Utente 575XXX
Buonasera,
mia figlia ventunenne, dopo continue coliche addominali con forti crampi che le provocano svenimenti seguiti da evacuazioni con emissioni di feci formate o molli (mai diarrea) con presenza di muco ma NON di sangue e una calprotectina a 1850, test del lattosio positivo,
ha effettuato una colonscopia con biopsie a: A) colon destro B) colon sinistro C) sigma D) retto
colite iperemico-erosiva.
varie erosioni del colon sinistro e rare ulcere aftoidi.

Referto biopsie: A-B-C-D il quadro microscopico mostra lembi di mucosa del tipo grosso intestino caratterizzati da buona maturazione ghiandolare, congestione, edema e lieve/moderato grado di infiltrazione infiammatoria cronica aspecifica a carico della tonaca propria con note di attività nel prelievo relativo al sigma ed al retto, dove si osserva, inoltre, lieve fibrosi.
reperto in sé privo di caratteri di specificità da correlare al complessivo quadro clinico-anamnestico-endoscopico.

dal 10-12-2019 in cui ha effettuato colonscopia sta assumendo sotto direttive della gastroebterologa MESAVANCOL 1200 (1 compressa mattina e sera) URBASON FIALE 20MG (1 al giorno) PARIET 20MG (1 al giorno) LEVOBREN GOCCE (15 prima di pranzo) ma nonostante ciò le evacuazioni sono ancora impellenti e numerose con forti dolori che spariscono subito dopo l'evacuazione.

La gastroenterologa ha riferito che non può trattarsi di Chron o Rettocolite ulcerosa, ha proposto una visita ginecologica per endometriosi (visto che io ne sono affetta) MA non può essersi formata in quanto è in cura con pillola anticoncezionale da circa 5 anni (se sospende non le viene il ciclo).

Di cosa potrebbe trattarsi?
Potrebbe essere una SIBO?
Potrebbe essere stata una conseguenza della sua intolleranza al lattosio?
Perchè i sintomi non migliorano nonostante la cura?

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Potrebbe essere associata una SIBO o anche una disbiosi intestinale. In tali casi potrebbe essere utile uno studio del MICROBIOTA per valutare eventuali squilibri patologici all'interno della flora intestinale e procedere ad un trattamento mirato con probiotici specifici (su misura) e dieta. Ovviamente il lattosio deve essere eliminato.

Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it