Utente 552XXX
Gentilissimi Dottori,
Scrivo per un disturbo che ormai mi sta assillando da quasi 9 mesi.
In Estate ho iniziato ad avere disturbi sulla mia regolarità intestinale: All'inizio andavo in bagno più volte, feci mollissime, pastose e di colore tendente al giallo / arancione Così, rivolgendomi al medico, si prende la decisione di limitare legumi, frutta e cibo spazzatura.
Vado avanti così per giorni, settimane, mesi e non cambia nulla.
La situazione è sempre questa: Feci mollicce, non perfettamente formate, spesso nastriformi e alternate a diarrea quando, erroneamente, decido di concedermi qualche "sgarro" durante il weekend.
Il medico mi parla di stress / colon irritabile, ma io non credo.
Almeno non pienamente.
La situazione non cambia: Appena apro gli occhi la mattina ho già tanta aria (l'80% delle volte assolutamente non puzzolente) da espellere, spesso ho dolore localizzato nel basso ventre sinistro e continua sensazione di andare in bagno.
Ci sono giorni che alterno a della stitichezza sporadica ma dura davvero poco (in questi 9 mesi sarò stata stitica per 3 volte circa) ma tutti i giorni le feci non sono solide e compatte perfettamente.
Inoltre noto del muco costantemente presente, di un colore bianco / giallo - arancione.
Striato sulle feci.
Oppure quando mi pulisco.
L'evacuazione non è dolorosa, almeno per ora non noto sangue visibile (qualche volta mi è capitato di vedere qualche piccola striatura mescolata al muco, ma davvero minuscola e ho dato colpa alle possibili emorroidi interne, si spera).
Inoltre la cosa ancora più disturbante è che nonostante siano mollicce a volte tendo a sforzarmi (non eccessivamente) perché sento che non mi sono liberata del tutto, ed infatti, quando mi faccio il bidet, noto con il dito ancora del materiale (molle) presente che non tende ad uscire con la prima evacuazione.

In bagno ci vado tutti i giorni massimo 2 volte.

Qualche notte, di qualche mese fa, mi è capitato di alzarmi per diarrea
Il medico, ad ottobre circa, mi diede del normix + fermenti lattici per 7gg che, nel loro piccolo, mi hanno aiutato almeno a ricompattare le feci nei giorni della cura, ma poi la situazione è ritornata una volta terminato la cura, insieme a queste cose mi diede anche fa dare un esame delle feci in cui è risultato nulla di anomalo, solo muco.
Quindi ora mi ha dato altri esami da fare per celiachia, coprocoltur e sangue occulto.
Che farò a breve.
La mia alimentazione è ormai da nove mesi "pulita", mangio principalmente pasti leggeri, in bianco e prediligo solo acqua come bevanda.
Le verdure le ho eliminate perché mi apparivano nelle feci così come le avevo mangiate (oppure mi causavano diarrea direttamente) mentre la frutta prefersico le banane, mandorle per qualche volta e arancia ogni tanto.

Le cosa che mi spaventa di più è proprio il fatto che potrebbe trattarsi di una malattia infiammatoria intestinale come per l'appunto il morbo di chron et similia
Voi cosa ne pensate?
Posso restare tranquilla?

Aggiungo che sono dimagrita anche di 20 kg (ma ho dato la colpa al fatto che ormai mangio pulitissimo)

Distinti Saluti.

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
La presenza di muco nelle feci può essere un segno di infiammazione , ma sappiamo che il muco ci può essere anche nei casi di colon irritabile. La diagnosi differenziale esatta può essere fatta solo con una colonscopia, che le consiglio di mettere in programma, anche per non stare sempre in ansia.
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente 552XXX

Buongiorno Dottore,
La ringrazio innanzitutto per la risposta.

Lo so, dovrei farla a più presto, ma il mio medico vuole aspettare i risultati degli esami e poi eventualmente prescriverla se necessario.

Vorrei sapere, se posso, lei cosa pensa in base ai sintomi che ha letto? Pensa che ci sia qualche anomalia oppure pensa a un qualcosa di "banale"? Vorrei avere semplicemente un parere solo per farmi un'idea e magari ricevere qualche sporadico parere da un professionista prima di recarmi di persona (a breve).

La ringrazio.
Attendo gentilmente una risposta.

[#3]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
La mia impressione è che si tratti di disturbi funzionali, che però non sono mai " banali ", perché compromettono la qualità della vita. Ci risentiamo, auguri.
Prof. alberto tittobello