Utente 582XXX
Buonasera,
Sono una ragazza di 27 anni, leggermente sottopeso, non assumo alcun farmaco se non la pillola anticoncezionale a basso dosaggio.

Scrivo perché, ormai tre settimane or sono, ho avuto un episodio molto spiacevole e preoccupante.
Avvertendo un forte gonfiore addominale e una sensazione molto simile ad un attacco di diarrea, sono andata in bagno e ho emesso soltanto muco con qualche striatura di sangue rosso chiaro (talmente rade da farmi pensare ad una perdita vaginale).
Tuttavia, dopo qualche ora il gonfiore persiste e lo stimolo mi spinge ancora in bagno, dove evaquo soltanto un grumo di muco e sangue di colore rosso rubino intenso (abbastanza scuro nella punta centrale, rosso molto brillante verso l'esterno) senza traccia di feci.

Monitorata la situazione per le due settimane consecutive, non ho avuto né muco né sangue.
Ho solo avuto un altro episodio identico al primo come sintomi, ma stavolta con alcune feci e muco e con un'unica gocciolina piccola di sangue finale, rosato e molto poco colorato rispetto al primo.

Finora, dopo un consulto con il mio medico, ho fatto una visita proctologica da cui non è emerso niente di anomalo.
Nelle feci non risulta nessuno dei batteri e parassiti ricercati.
Dalle analisi del sangue risultano più alti dello standard solo il colesterolo (239 vs 220) e il TSH (4, 64).
Nelle urine segnalati parecchi leucociti e parecchie cellule di sfaldamento.
Ok tutto il resto.
Non ho avuto finora nessun sintomo e nessun tipo di fastidio (se non un prolungato ed anomalo bruciore di stomaco a fine dicembre, sopportabile e in concomitanza con le prime cene natalizie, quindi mai indagato a fondo).
Preciso inoltre che sono molto regolare nella defecazione giornaliera.
Il proctologo mi ha consigliato di fare la colonscopia solo in caso che l'episodio si ripeta o per farmi tranquillizzare... a questo punto sono un po' confusa e ancora più preoccupata di prima.
Ho letto anche che problemi alla tiroide (che leggo dalle analisi essere un po' alte, ma non ho idea di quanto sia la forbice di tolleranza) può essere strettamente collegato a malattie dell'intestino, soprattutto autoimmuni.
È possibile, non avendo alcun sintomo di nessun tipo, che si tratti del mio caso?

È consigliabile fare una colonscopia?
Mi sta prendendo un'ansia davvero dannosa, tanto che la notte faccio fatica a dormire.


Vi ringrazio moltissimo in anticipo e vi esprim la mia più ampia stima per l' impegno in questo portale.
Cordialmente

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
Non deve essere ansiosa, ma sono d ' accordo sulla necessità di eseguire una colonscopia. Non per cercare patologie strane, ma semplicemente per escludere la presenza di una infiammazione della mucosa intestinale, che - se ci fosse - andrebbe curata con farmaci specifici e non alla cieca .
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente 582XXX

Buongiorno dottore,
Grazie infinite per la sua risposta.
Quindi, potrebbe essere un'infiammazione pur non avendo alcun sintomo manifesto?
Grazie ancora

[#3]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
Potrebbe. Qualche sintomo c ' è : muco e tracce di sangue
Prof. alberto tittobello

[#4] dopo  
Utente 582XXX

La ringrazio.
Il mio medico curante mi ha per ora prescritto soltanto una cura per il TSH, oltre ai fermenti lattici, e ripetere le analisi del sangue fra tre mesi.
Devo insistere per la colonscopia o lascio perdere (se non si ripetesse il sanguinamento)?
Grazie tantissimo per il suo tempo

[#5]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
Credo che le convenga insistere per fare l' esame.
Prof. alberto tittobello

[#6] dopo  
Utente 582XXX

Professore Tittobello,
La ringrazio per avermi consigliato di insistere. Ho riassunto tutta la mia storia al mio medico che, visti gli esami di feci sangue e proctologico negativi, si è convinto a farmi fare la colonscopia.
Soprattutto perché negli ultimi tempi le feci, da normali, per una settimana intera hanno assunto color senape e per due giorni di fila risultavano completamente liquide. Adesso stanno tornando alla normalità.

La colonscopia, effettuata oggi stesso, ha avuto esito negativo. Il gastroenterologo che mi ha effettuato la colonscopia mi ha detto che il caso di mucorrea con sangue, che mi ha così tanto preoccupata, può essere riconducibile al colon irritabile.
Io non ho gonfiore addominale e non soffro di dolori intestinali, può essere possibile un colon irritabile senza particolari fastidi?

La ringrazio moltissimo

[#7]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
E' parzialmente vero. Abbastanza spesso vediamo soggetti con un " semplice " colon irritabile ( semplice mica tanto, perchè i disturbi possono essere forti ) emettere del muco, ma sangue no. Quest ' ultimo, però, potrebbe derivare da microemorroidi interne, che magari sono sfuggite alla colonscopia. Questa non mostra zone di infiammazione e va bene così. Per completezza, si faccia prescrivere la ricerca della calprotectina nelle feci, così siamo ancora più sicuri
Prof. alberto tittobello