Utente 584XXX
Egregi dottori, dal mese di novembre soffro di bolo faringeo e fastidio in gola continuo (non ho dolori né problemi a deglutire, anzi il cibo solido mi porta miglioramento del sintomo).
Il mio medico di famiglia mi ha diagnosticato reflusso, curato con Lucen e antiacido, ma senza alcun risultato.
Qualche settimana fa mi sono allora recata dall'otorino, che ha trovato la gola molto rossa e una macchiolina bianca in zona ex-tonsille (le ho tolte da piccola).

Il tampone faringeo ha rivelato "presenza di candida".
Il che può essere, perché a causa di lunghe cure dentistiche lo scorso anno ho preso antibiotici quasi ogni mese e ho fatto anche aerosol di cortisone per la tosse.

In attesa di tornare dall'otorino, vorrei sapere se la candida può dare sintomi di bolo faringeo e bocca molto secca.
Sono anche un po' preoccupata perché temo che la candida sia estesa all'esofago, cosa che so piuttosto noiosa e difficile da eliminare.
Non ho altri problemi digestivi, né mi considero depressa o stressata, e non prendo medicine a parte l'antiacido serale (ho smesso col Lucen).

Una dieta anticandida può bastare?
Oppure mi attende una trafila diagnostica?
Grazie per la pazienza

[#1]  
Dr. Mauro Di Camillo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
buongiorno
si la candida può dare quei sintomi
la terapia dovrebbe essere sufficiente per eradicare il problema.
nel dubbio che la candida possa effettivamente avere interessato l’esofago meglio fare una gastroscopia di controllo
saluti
Dott M. Di Camillo
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva
dottorato di ricerca in fisiopatologia chirurgica e gastroenterologica