Attivo dal 2020 al 2020
Salve, da circa tre mesi ho i seguenti sintomi reflusso acido dolori allo sterno parte sinistra e bruciore stomaco in più mi sveglio la notte a causa di tutto ciò, il mio medico inizialmente mi ha prescritto gaviscon 3 volte al giorno e peridon prima di pranzo, gaviscon l’ho sempre preso peridon no il problema era scomparso dopo di che ricomparso ed il mio medico mi ha prescritto omeprazen la mattina e peridon pranzo e cena per 10 giorni, peridon non lo prendo per via dei effetti collaterali oltre a ciò mi ha prescritto anche una endogastroscopia (per sospetta ernia iatale) che mi hanno sconsigliato per la mia giovane età... Assumendo omeprazolo il reflusso non è più acido ma il problema persiste e la cosa più fastidiosa e il svegliarmi la notte e i dolori allo sterno.
Premetto che ho avuto un periodo di forte stress e in più saltavo pasti come colazione e cena ho eseguito ecg e holter esami da cui non risulta che io abbia problemi.
Vorrei sapere se il trattamento è giusto o se va cambiato visto che il problema persiste e se e possibile che io abbia questa presunta ernia iatale e dovrei insistere per farmi fare questa endogastroscopia

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Ernia iatale o non ernia iatale il problema è sempre il reflusso che deve essere controllato. Per cui dovrebbe incrementare la dose dell'omeprazolo.

Non ci sono rischi concreti della terapia a lungo termine:

https://www.medicitalia.it/news/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/8222-effetti-collaterali-degli-inibitori-di-pompa-protonica-ipp-realta-o-fake-news.html



Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia/Endoscopia digestiva - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone, Reggio)
www.endoscopiadigestiv

[#2] dopo  
Attivo dal 2020 al 2020
Dottore grazie per la sua risposta, provvederò ad riandare dal mio medico per farmi aumentare la dose giornaliera sempre che la aumenti e non mi cambi cura, per quanto riguarda L’endogastroscopia che mie è stata sconsigliata c’è qualche altro esame che io possa fare per accertare se ce o meno questa presunta ernia iatale ?

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
L'esame più accurato è la gastroscopia
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia/Endoscopia digestiva - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone, Reggio)
www.endoscopiadigestiv