Utente
Buongiorno, da oltre un mese soffro di disturbi allo stomaco, non sempre localizzati ma in particolar modo persistenti nella parte dx superiore del petto per intenderci all'altezza dell'ultima costola con risentimento spesso più persistente nella zona scapolare della schiena; il dolore non è mai acuto, come di sottofondo... ma pressoché continuo, in particolare la mattina quasi inesistente mentre si acutizza nel primo pomeriggio fino a sera, la notte dormo tranquillo.

Spesso ho constatato bocca amara e chi sta con me dice che soffro di alitosi.

la funzionalità dello stomaco non è condizionata, cioè digerisco normalmente, qualsiasi cosa mangi, nessuna eruttazione, né tosse.

Ho subito un intervento di colecistectomia nel 2011 per calcoli a seguito del quale non ho mai notato differenze dal periodo precedente.

Ultima gastroscopia effettuata a Gennaio 2019 (avevo gli stessi sintomi odierni risoltisi poi senza cure) con esito: "Cardias in sede.
Stomaco contenente discreta quantità di schiuma.
La mucosa del fondo presenta bile adesa e area iperemica con piccola erosione (biopsia negativa).
In antro la mucosa appare ipotrofico-iperemica.
Piloro pervio.
Bulbo duodenale e duodeno discendente indenni da lesioni.
Conclusioni: Erosione isolata del fondo gastrico.
Segni indiretti di reflusso duodeno- gastrico.
Gastropatia ipotrofico-iperemica.
"
Ho provato ad assumere Gaviscon per una settimana, e su consiglio del mio medico di base Pantoprazolo da circa un mese 2c da 20mg al giorno ma i risultati non sono esaltanti, anzi non noto differenze.
Chiedo consiglio, ci sono altre indagini da effettuare oltre alla gastroscopia o terapie diverse?
sono preoccupato per la persistenza del sintomo senza tregua, grazie

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Potrebbe essere resistente agli IPP per cui dovrebbe eseguire la titolazione della gastrinemia (prelievo di sangue sotto terapia) per valutare l'efficacia di tali farmaci


Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
dr.Cosentino la ringrazio per la pronta risposta, devo desumere che al di là degli IPP non c'e' altra soluzione al mio caso?i sintomi che ho indicato non esprimono altro che reflusso?il fatto che si manifesti soprattutto dal tardo pomeriggio alla sera ha qualche valenza?grazie

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Si, penserei solo al reflusso. Provi con prodotti a base di acido ialuronico.
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it