Utente
Gentili dottori,
scrivo perché da ieri pomeriggio ho sintomi correlabili ad una gastroenterite (febbricola a 37, 5, vomito, diarrea, dolore addominale gastrico, Distensione addominale, astenia, mialgia).

Martedì sera (più o meno 24 h prima della manifestazione dei sintomi) ho mangiato del sushi da asporto (da un ristorante abbastanza conosciuto dalle mie parti, quindi immagino controllato) insieme alla famiglia: mia moglie non ha manifestato alcun sintomo, mia madre ha avuto solo diarrea e io invece ho sviluppato sintomi come vi dicevo molto più evidenti.
Ho contattato il medico di base che mi ha detto di usare probiotici, bere molto e che verosimilmente è una infezione virale.

Segnalo che sono in cura quotidiana con Lucen 20mg da più di 5 anni.

Le mie domande sono:
- come mai tra i componenti della mia famiglia solo io ho manifestato sintomi così pesanti?
Ne è per caso responsabile l’utilizzo quotidiano di Lucen?

- è plausibile l’ipotesi di un infezione virale?
Oppure è più probabile una batterica o parassitaria?
Queste ultime sarebbero più gravi?

- come mi devo comportare per rimettermi in sesto?
A distanza di 24 h sto un pó meglio ma mi sento ancora un po’ debilitato con qualche linea di febbre...mi devo preoccupare e andare in PS?

Grazie per l’attenzione che vorrete dedicarmi.

Cordialmente

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Sembra più una infezione batterica che virale, dovuta alla contaminazione della sua porzione di pesce e non delle altre. Non dovrebbe capitare, ma con il pesce crudo un po' di rischi o c' è sempre. D' accordo sui probiotici. Queste infezioni quasi sempre si risolvono da sole, senza antibiotici. Se perstono i disturbi ,soprattutto la febbre, allora una terapia antibiotica diventa necessaria. Il farmaco che prende non c' entra. In questo periodo sarebbe meglio non mangiare cibi crudi.
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente
Grazie molto per la rapida risposta.
In effetti oggi va già meglio e la temperatura è scesa.
Un’ultima domanda sulla terapia con IPP, visto che se ne sentono di ogni colore sulla pericolosità di un utilizzo a lungo termine.
Io assumo 20mg Lucen al giorno, quotidianamente ormai dal 2013 per cura di esagofagite da reflusso causata da un’ernia iatale.
Mi devo preoccupare? È meglio che la interrompa almeno periodicamente?

Grazie ancora

Cordialmente

[#3] dopo  
Utente
Ancora un paio di domandine:
- ho ripreso a defecare questa sera, feci poltacee e giallo chiare peró senza dolori addominali. È normale?
- finora ho evitato contatti con i famigliari, posso riprenderli ora che sto meglio?
- purtroppo soffro di emorroidi interne ed esterne, e ho notato (come a volte accade, soprattutto quando la defecazione è importante ) tracce di sangue rosso molto vivo tra le feci, oltre che dolore e bruciore all’ano. Ho in programma di eseguire una visita proctologica, ma la situazione attuale di emergenza sanitaria mi ha scombussolato i piani. Non ho famigliari di primo grado che abbiamo mai presentato neoplasie gastrointestinali: posso aspettare e pianificare con calma la visita a vostro parere? Segnalo che in passato (anche recente) ho effettuato visite gastroenterologiche, ma mai specificamente mirate al problema emorroidi/sangue.

Grazie per l’attenzione che vorrete ancora dedicarmi.

Un saluto cordiale

[#4]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Può proseguire la cura tranquillamente. Il colore delle feci non ha un significato clinico importante. D ' accordo sulla visita proctologica, ma le ricordo che lei sta entrando in quella fascia di età in cui noi consigliamo a tutti di eseguire almeno una volta nella vita una colonscopia, a scopo preventivo.
Prof. alberto tittobello

[#5] dopo  
Utente
Grazie dottore ancora, molto chiaro.

C’è particolare urgenza per la colonscopia o la posso programmare con calma nei prossimi mesi?
Qual è l’età a cui si riferisce?

Grazie per la disponibilità

Un cordiale saluto

[#6]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
No, non c' è urgenza. Noi la consigliamo a scopo preventivo tra i 40 e i 45 anni
Prof. alberto tittobello

[#7] dopo  
Utente
Grazie dottore,
seguirò i suoi consigli.

Buon lavoro

Cordialmente

[#8]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Prego, auguri.
Prof. alberto tittobello