Utente
Buongiorno dottori,

cerco di fare un sunto della mia situazione e di un mio timore.
sono attualmente in cura per sospetto morbo di crohn.
non si è ancora sicuri che lo sia.
le ipotesi sono appunto il chron o un possibile colon irritabile molto tignoso.
a livello di esami, la calprotectina è negativa (valore di 50), così come gli esami di celiachia e intolleranze al lattosio.
ho effettuato colonscopia che ha evidenziato una piccola afta nella zona ileale che però, stando al referto, non è abbastanza grande da certificare la presenza di crohn.
l'eco delle anse intestinali non ha evidenziato nulla di anomalo.
detto ciò, uno dei sintomi che più mi tormenta è il fatto che nella fossa iliaca destra, soprattutto nei periodi di evacuazioni scarse causate dai miei fastidi, tende a generarsi un indurimento delle dimensioni variabili da una pallina da ping pong, fino ad arrivare alle dimensioni di un pugno nei casi più 'gravi'.
il mio quesito è quindi questo: ma questo indurimento che sento possono essere una sorta di campanello di allarme per un blocco intestinale in "fase di preparazione"?
perché purtroppo mia mamma soffre di crohn, ed ho potuto vedere come stava in quelle situazioni e ne sono rimasti francamente spaventato ed adesso vivo nel terrore che possa capitare anche a me da un momento all'altro.
detto questo, non essendo certo che sia crohn, io continuo a mangiare sano, ma comunque normale (il che vuol dire anche una dose quotidiana di fibre, che ovviamente se davvero fosse un blocco in fase di preparazione sarebbe l'ultima cosa da fare).
potete darmi delucidazioni in merito?
ci sono dei sintomi che possono farmi capire in sufficiente anticipo se è un potenziale blocco o invece mi sto preoccupando per nulla?
grazie in anticipo

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Come fa ad avere un "blocco" senza evidenti lesioni al cieco-ileo ?

Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
Purtroppo le 'dinamiche' intestinali non mi sono troppo chiare. Da ignorante, ho pensato/temuto che essendo la zona in cui sento del rigonfiamento è la stessa di dove mi hanno trovato la piccola afta, sia una zona in cui tenda ad accumularsi materia e che quindi possa portare ad una ostruzione.

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Direi quindi di non preoccuparsi
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente
Cercherò di farlo. In base alla sua esperienza, secondo lei però che cosa potrebbe essere fisicamente questo bozzo’ che mi sento sempre nel fianco destro?

Grazie in anticipo

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Il bozzo ? Meteorismo.
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it