Utente
Buonasera Dottori, dopo poliabortività mi sono stati prescritti degli esami dai quali è risultata una presenza di anticorpi Anti gliadina IgA e IgG abbastanza alta.

Anti Gliadina IgA 75 (>30 positivo)
Anti Gliadina IgG 98.7 (>50 positivo)
Eosinofili 0.533 5.98%E (valori normali 0.0-0.
5 0.0-5.
4%E)
Mentre normali
Anti Transglutaminasi IGA <0.5 (<15 negativo)
Anti Transglutaminasi IGG <0.8 (<15 negativo)
Visti gli esami il ginecologo ha determinato nella presenza di questi anticorpi la causa degli aborti ripetuti ed essendo in quel momento di nuovo in attesa mi è stato vietata immediatamente l'assunzione di glutine per tentare di dare una possibilità alla gravidanza.
Purtroppo alla fine non è andata bene, invece per la mia vita personale dal punto di vista gastrointestinale è stata la svolta.
Vengo da una storia di problemi intestinali lunga circa 15 anni durante i quali il medico di base non ha mai voluto farmi fare alcun accertamento, secondo lui non necessario e da quando ho iniziato la dieta priva di glutine sto benissimo, non ho più paura di mangiare fuori e dover correre in bagno, non mi è più capitato di dover chiedere dei permessi dal lavoro per tornare a casa, non ho più assunto una pillola di Imodium che era il mio salva vita... una qualità di vita che ormai non osavo nemmeno immaginare.

Il problema è che avendo eliminato il glutine in emergenza non c'è stato tempo di fare una gastroscopia con biopsia, cosa necessaria per la diagnosi di Celiachia, disturbo che mi è stato suggerito potrebbe essere la causa di tutti i miei problemi, soprattutto considerando i sintomi e gli effetti positivi della dieta.

Se io volessi fare una gastroscopia ora, a 2 mesi circa di dieta Gluten Free, considerando i 15 anni di sintomatologia, potrebbe risultare comunque attendibile quanto meno per riscontrare una celiachia anche se il grado potrebbe essere minore?

Considerando la ricerca di una gravidanza, reinserire il glutine per ora non è pensabile, visto che stiamo lavorando sull'azzeramento degli anticorpi.
Eventualmente proseguissi con la dieta senza glutine fino ad un ipotetico parto, avrebbe senso reinserire il glutine in quel momento e fare la gastroscopia allora?

Grazie mille e scusate la lungaggine.

Buon lavoro.

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Non glielo consiglio, di riprendere la dieta con glutine. Almeno per ora, è più che sufficiente la clinica per confermare la diagnosi, cioè il fatto che i disturbi sono svaniti con al dieta gluten-free. Continui così e auguri per la sua gravidanza.
Prof. alberto tittobello