Utente
Salve dottori.
Volevo raccontare la mia situazione, per chiedere un vostro aiuto.
Ho 30 anni ed ho iniziato due anni fa i sintomi erano prevalentemente digestivi di lentezza di digestione pesantezza x ore e ore o addirittura x giornate e poi di conseguenza reflussi acidità bruciori ecc.
Ogni terapia nn ha sortito effetti anche ad alto dosaggio con ipp antiacidi procinetici ma nulla.
Dalla gastroscopia mi hanno trovato una lieve incontinenza cardiale.
Negativi test celiachia ed Helicobacter.
Da tre mesi ho sospeso di mia spontanea volontà gli ipp xké stavo sempre e solo peggio.
E devo dire che sono tornato all'origine coi sintomi.
allo stomaco nn ho più bruciori.
Bensì principalmente gonfiore e pesantezza dopo i pasti indipendentemente di quanto come e cosa mangio.
E non va via nemmeno dopo ore.
Oggi per dire mangiando poco ma sto da tante ore gonfio pesante da scoppiare e poi parte una forte nausea rigurgiti ancidi e quasi quella sensazione di voler vomitare.
Poi ci sono giornate in cui ho bruciore e acidità in gola e non ho più gonfiore.
Sono fasi insomma.
Mi viene da chiedere che magari il reflusso è solo una conseguenza ma non è il motivo principale.
Giovedì ho la manometria e pHmetria ma nn vorrei fare l ennesimo esame inutile.
Grazie in anticipo

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Credo che la sua situazione sia più da procinetici che da IPP ( a proposito, quali ha preso ? ). Ci risentiremo dopo gli esami
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente
Grazie dottore x la risposta. Ho usato Peridon e poi motilex anche se entrambi erano presi insieme ad altri farmaci appunto ipp antiacidi ecc quindi nn so se posso giudicare come negativi visto che non li prendevo da soli. Quindi mi dice che x la mia situazione manometria e pHmetria sono utili? Grazie ancora

[#3]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Sono sempre utili, per avere una diagnosi più precisa e relativa terapia.
Prof. alberto tittobello