Utente
Buongiorno
ho 51 anni e due mesi fa ho fatto una lieve pancreatite acuta dovuto a calcoli e fango biliare.
Mi hanno fatto una ercp e non era necessario inserire stent.
Nel 2004 ho tolto la cistifellea, nel 2010 ho fatto sleeve gastrectomy e nel 2014 fundectomia.


Ancora prima della pancreatite ho avuto problemi con lo stomaco, alternavo tra episodi normali, diarrea (spesso verde) e stitichezza con gonfiore.

L'unico periodo in cui non ho sentito gonfiore nell'addome era quando ero a digiuno assoluto nel ospedale per 3 giorni.

Adesso ho sempre una sensazione di addome gonfio e spesso è contratto.
Le feci vanno da diarrea a diarrea leggera (con pezzi formati, acqua marrone ed alcuni pezzi che galleggiano, a volte maleodoranti) e inizio settimana ho avuto tre giorni di feci e diarrea gialla.
Questo dopo un periodo di normalità, avevo iniziato finalmente ad andare in bagno normalmente un mese dopo la pancreatite.


Ho fatto tutti i controlli ematici e gli enzimi pancreatici, del fegato e bilirubina sono tornati normali.
Colesterolo, glicemia, trigliceridi vanno tutti bene.
Ho fatto ben 4 ecografie in questi due mesi con esiti fegato ha dimensioni ai limiti superiore con margini arrotondati, ecostruttura brillante e disomogenea in quadro di steatosi diffusa di grado moderato, senza lesioni focali di natura sospetta.
Rimane al II segmento area solida di 30 mm per 35 mm, in noto angioma, invariato rispetto precedenti portati in visione.
Il coledoco ha diametro 5, 5mm, non dilatazione delle vie intraepatiche.
Il pancreas ha ecostruttura un poco disomogenea, in esiti di pancreatite, con dimensioni nei limiti.
Non dilatazione del dotto Wirsung.
Ho fatto anche una tac l'altro giorno che ha evidenziato fegato ingrandito e steatosico; sono apprezzabili almeno 3 aree ipodense, aventi densità negativa, compatibili con aree di accumulo lipidico, la maggiore al lobo sinistro posteriore, di 40 mm circa.
non si osservano significative formazioni diverticolari coliche; evidente dolicocolia, con coprostasi.
Presenza di alcune formazioni linfonodali anche globose al cieco - ascendente ed in corrispondenza della flessura colica di destra, delle dimensioni massime di 9 - 10 mm (reattive?) ; millimetrici linfonodi ovalari mesenteriali e lungo i vasi iliaci esterni, che non presentano verosimile carattere attuale.
Normalmente distese le anse enteriche e lo stomaco.

Seguo ancora la dieta post pancreatite di max 30 g di grasso al giorno e pasti piccoli e frequenti.
Bevo 1, 5-2L di acqua al giorno.
No alcol, bibite gassate, fritti, carne rossa.
Seguo low fodmap senza glutine/lattosio.


Nessuno ha chiesto altri esami al momento o parlato di sospetto tumore o altro.
Fino ad adesso si è parlato di colon irritabile e/o SIBO.

Vorrei sapere con queste informazioni cosa ne pensate?
Cosa sembra potrebbe essere.

Grazie

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Ecografia e TAC non mostrano patologie importanti. I linfonodi ingranditi vengono definiti " reattivi ", cioè - secondo l' ecografista - non pericolosi. Tra i suoi esami manca un " normale " esame delle feci. Mi mandi l' esito.
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Prof. Tittobello
La ringrazio per la sua risposta.

Sono in attesa dell’esito di un esame sui feci chiamato Gut screening , non appena arriva le aggiorno.

Una domanda, se posso. Cosa comporta il dolicocolon, sulla tac e varie radiografie fatte due mesi fa in ospedale non è mail venuto fuori.

Cordialità