Utente
Buongiorno,
tempo fa scrissi a voi gastroenterologi per un problema riguardante stitichezza, e più in là anche appendicite e altri sintomi.
Siccome non mi è permesso rispondere a quel consulto, essendo scaduto, condivido comunque i risultati dell'ecografia che feci a inizio 2020, riportando i dati essenziali in sintesi: una difficoltà di indagine per presenza di aria, fegato e milza ingrossati ma il primo nel massimo della grandezza ritenuta "normale", la seconda invece poco più della norma.
Inoltre adesso vi scrivo poiché il dolore in basso a destra che avevo discusso (sempre nello scorso consulto) si ripresenta ogni tanto, proprio nella zona in basso a destra, corrispondente (credo) alla curva dell'intestino crasso.
Il dolore varia tra fitte e pizzicore unito a bruciore, e in entrambi casi va e viene oppure a volte è persistente.
Il dolore inoltre si propaga a volte sulla gamba e presso l'inguine destro, e ho notato che a volte nei giorni prima di provare tale sintomo accuso stitichezza o diarrea.
Quando sono costretto prendo una compressa di Buscopan, ma a volte nonostante ciò il male passa solo col tempo.
Ho notato a volte un colorito chiaro delle feci, oppure, come stamattina, "mucoso" (se si può dire), raramente scure.
Il dottore, visitandomi a inizio febbraio, mi disse, palpandomi e controllando i vari esami (ecoaddome e successivo emocromo, quest'ultimo nella norma), che non c'è di che preoccuparsi e che si tratta di colon irritato (allora la diagnosi fu colite spastica).
Adesso però noto questo dolore un pochino più incisivo.
Per questo vorrei innanzitutto chiedervi se le risposte dell'ecoaddome possono far pensare a qualche cosa che sia causa di tali ingrossamenti (se riesco a ritrovarle e se me le richiederete vi scriverò la risposte dell'eco con più dettaglio; inoltre il dottore mi disse che era inutile preoccuparsi perché non ho nulla, mentre il dottore che mi fece l'eco pensò a un passato di mononucleosi); in seguito vi chiedo se per la sintomatologia che ho descritto possa trattarsi di colon irritato, oppure se serve un esame più concreto per vedere cosa possa essere con maggior precisione (temo, da ipocondriaco, polipo o tumore per la verità..., o anche appendicite), ad esempio colonscopia o altro.
Inoltre vorrei chiedervi una curiosità: so che è competenza dei medici fare diagnosi, ma se volessi provare con un'autopalpazione potrei da me scoprire qualcosa?
Ringrazio in anticipo.

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Intestino irritabile più grande ansia.
Cordiali saluti.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille per la risposta. Potrei avere dei consigli su cosa evitare di fare e, soprattutto, mangiare quando mi si presenti tale problema? Ringrazio sempre in anticipo.

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Dovrei visitarla.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente
Ho capito. Avrei un ultimo quesito che ho omesso perché concentrato sul dolore. Anche perché stamattina mi sono accorto che sono arrivato a pesare 64.1 kg, da 64.8 di inizio settimana. Il problema è che innanzitutto io ho sempre avuto un metabolismo un po' lento e ingrassavo facilmente, invece adesso sto scendendo, secondo me, troppi chili nonostante io non stia facendo attività fisica e mangi spesso abbondantemente, fuori casa minimo due volte a settimana. Ne discussi tempo fa con il dottore insieme a quel dolore già discusso, quando mi ero reso conto che a inizio Novembre 2019 pesavo 78 kg, poi a dicembre ben 67 kg circa, e adesso diminuisce ancor di più anche se più lentamente, e anche lui aveva qualche dubbio. Secondo lei può essere normale o può indicare qualche problema in più rispetto alla sua diagnosi?

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Io non ho fatto alcuna diagnosi ma ho dato una semplice impressione ipotizzata a distanza e senza visita.

A maggior ragione in chi, come lei, omette un particolare importante come un dimagrimento sensibile (che viene fuori solo in un secondo momento).

Ovviamente mi fermo qui!!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente
La capisco e la ringrazio per essere stato celere e chiaro nelle risposte. Buona giornata.