Utente
Buonasera,
mi presento, sono Gemma 32 anni.

Ho un cardiopalmo costante a livello dello stomaco, cioè sento il mio battito 24/24.
Oltre a questo mi succede che la pancia mi si gonfia a dismisura dopo i pasti e sento molta pressione e a quel punto parte la tachicardia frequenza cardiaca varia da 130 a 150.
Dopo ogni pasto però il cardiopalmo lo sento più forte e pesante e come se facesse anche dei rumori strani tipo clock a livello della bocca dello stomaco fino allo sterno.
Visita cardiologica è uscita una cardiomiopatia ipertrofica live non istruttiva.
Holter ok 2 sole extrasistoli e 1 ventricolare, escluso che il problema sia di tipo cardiologico.
La gastroduedenoscopia con biopsia evidenzia gastrite cronica ad andamento lieve da reflusso biliare e incontinenza del cardias, negativo HP.
Ora mi chiedo può la gastrite farmi vivere tutti questi incubi?
Tachicardia?
Dopo i pasti se faccio le scale mi salta la pancia su fino a spingere contro la gabbia toracica e via tachicardia affanno.
Non so più che altro fare.
Terapia sto facendo 40 mg Esomeprazolo al mattino, riopan dopo i pasti 3 volte al giorno.
Bisoprololo per il cuore 2 volte al giorno.
Puntualizzo prendo 5 mg di cortisone al giorno ed ho fatto fino a 4 mesi fa uso di Metotrexate per via di una malattia autoimmune Vasculite.
Grazie per l'attenzione.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Potrebbe trattarsi della sindrome Gastro-cardiaca di Roemhled, legata ad una distensione meteorica dello stomaco. Ecco un mio articolo sull'argomento.

https://www.medicitalia.it/blog/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/6459-sindrome-gastro-cardiaca-roemheld.ht

Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie della risposta dottore. Il gastroenterologo mi ha modificato la terapia come segue: 20 mg esomeprazolo mattina, 25 mg Levopraid pastiglie mezz'ora prima dei pasti e riopan dopo i pasti principali 2 volte. Allora al terzo giorno sto praticamente peggio a livello di tensione e dolore addominale. Il cardiopalmo si è risolto ma mi sento più gonfia di prima quasi stia per scoppiare la pancia. Stessa cosa che mi succede se aumento le dosi di cortisone più di 5 mg, stessa cosa mi succede se prendo fermenti lattici. Cioè la pancia si gonfia diventa dura e niente si muove cioè non c'è cardiopalmo e palpitazioni ma ho una tensione abnorme fa male proprio. Non potrebbe essere che sono intollerante al lattosio? Tutti questi farmaci hanno in comune il lattosio. Riopan lo tollero benissimo idem esomeprazolo, non fanno andare via il cardiopalmo ma alleviano la tensione. Avevo provato Levopraid gocce per la nausea un anno fa ma non mi aveva dato questo problema. Non so se è qualche forma di intolleranza o io dopo un anno di Cortisone e Metotrexate ormai non reggo più farmaci. Il punto è che dovrei iniziare di nuovo l'immunosopressore ma finché non so che succede alla mia pancia non si va avanti. Davvero non vivo più. Il gastroenterologo mi ha detto che non sa come aiutarmi, cioè non c'è niente gastroscopia come detto live gastrite cronica, ecodopler addome tutto apposto. Non so cosa altro cercare dove cercare. È insopportabile questo fastidio va via il gonfiore e parte cardiopalmo con gonfiori solo dopo mangiato, prendo medicine peggiora gonfiore va via il cardiopalmo ma sto da cani lo stesso. Cos'altro può essere? Ho provato ansiolin per vedere se è l'ansia anche se non ne ho mai sofferto ma niente anzi mi sento a pezzi dolori muscolari e astenia. Cardiopalmo rimane lo stesso diventa più sopportabile più lieve ma c'è. Altro consiglio??