Utente
Buona sera scrivo perché da circa 3 settimane ho dei sintomi gastroenterologici che non ho mai avuto sono lieve senso di nausea, precoce pienezza, peso allo stomaco, digestione molto lenta e difficoltosa, aerofagia e meteorismo immediatamente dopo i pasti, senso di fame (che si presenta dopo il turno di notte che mi permette 4 ore di sonno inoltre agitato) MAI bruciore o reflusso.

Sto scalando olanzapina da 5mg a 2, 5 Mg un antipsicotici atipico che ha anche effetti colinergici a volte feci molli e che in passato durante lo scalaggio mi ha dato problemi intestinali, una ecografia di due anni fa perfetta e una coloscopia negativa sempre di 2 anni fa.

I sintomi sono più pesanti quando finisco il turno di notte e senza riposo mi recò in un altro luogo di lavoro.
Sto passando un periodo molto stressante dovuto ad un innalzamento di responsabilità al lavoro che gestisco bene e ad un linfoma diagnosticato a mia madre circa 2 mesi fa, mio padre ha una malattia mieloproliferativa cronica e una sorella disabile (idrocefale) dalla nascita.

Olanzapina la prendo da circa 3/4 anni per un episodio depressivo a sfondo ipocondriaco... Ho scalato anche gli altri farmaci molto lentamente fino a 6 mesi fa dove assumevo solo olanzapina 5mg da circa due mesi sto scalando attualmente a 2, 5.

Sono un forte fumatore e nell'ultimo mese ho sconfinato il pacchetto al giorno.

Sono un bevitore moderato di birra 1/2 unità alcoliche non tutti i giorni è in qualche occasione (rare) vengono superate.


So che voi non potete fare diagnosi ma non avrei voglia di intraprendere la strada medica che mi porterebbe a molta ansia per il mio problema ipocondriaco (visto la storia famigliare)
Ma con questa descrizione è plausibile pensare al fatto che stress, rebound farmaco, fumo etc... Possano causare una dispepsia funzionale che si aggrava quando dormo poco e fumo a stomaco vuoto?
E che io non abbia nulla di organico?

Inoltre tutto ciò è concomitanti con l'ultimo passaggio di scalaggio che mi ha provocato anche insonnia e ansia mattutina.


Che accorgimenti naturali posso prendere per migliorare la situazione?
È molto fastidiosa e limitante.

Vi ringrazio.

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Capisco il suo disagio. Credo che potrebbe giovarle l' assunzione di qualche prodotto chiamato procinetico, ma non sempre è compatibile con gli altri farmaci che già prende. Quindi dovrebbe consultare il suo medico o un neurologo.
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente
Si.
Perché un neurologo?
Lei ritiene un base alla sua esperienza che un periodo di ansia, rebound, fumo e insonnia possano essere alla base del mio disturbo? E che si tratti dunque di un disturbo funzionale e non organico?
Potrei tentare di ridurre questi fattori esterni modificando questi comportamenti?
I sintomi potrebbero regredire?
Grazie.

[#3]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Sì, sono convinto che il suo disturbo sia funzionale e non organico e probabilmente in parte correlato al suo stato psicologico. Il neurologo perché è la persona più competente per giudicare la compatibilità tra i vari farmaci.
Prof. alberto tittobello

[#4] dopo  
Utente
Grazie, tra l'altro è ricominciata anche la sintomatologia da colon irritabile... Con scariche quasi diarroiche e di colori non idonei... Le alternative sono o sopportare i sintomi a tempo indeterminato o purtroppo sarà riprendere la terapia cosa che vorrei francamente evitare.
Grazie.