Utente
Salve, per curare delle disestesie diffuse, a detta del medico per causa di ansia somatizzata (anche se credo in una neuropatia delle piccole fibre, dato che ho prostatite e colon irritabile) il neurologo mi ha dato il farmaco Zoloft.
Io soffro da anni di un colon irritabile, con acidità cronica, dispepsia e diarrea gialla cronica.
Etnia iatale e esofagite grado b.
Ho iniziato da 0, 25 con lo Zoloft, sono iniziati i mal di testa e la dispepsia peggiorava, ero già inappetente a causa dei problemi gastrointestinali, ora peggio.
Sono nella 4 settimana e sono arrivato alla dose 100.
Ho notato che non riesco più ad andare al bagno regolarmente, e quando ci vado, faccio la solita diarrea (quindi non è stipsi).
Ora sono 3 giorni che non vado, e se ci vado devo impegnarmi e spingere forte per far uscire qualcosa (sempre diarrea).
Sono molto preoccupato di un blocco intestinale.
Al contempo assumo il farmaco Lucen (da anni) e il medico mi ha dato il normix per una settimana.
Non vorrei che tutto questo stia influendo in maniera da bloccarmi il colon con le feci.
Devo preoccuparmi?
Io ho sempre la paura del tumore a colon che spesso i medici scambiano per intestino irritabile.
Il gastroenterologo ha detto che lo Zoloft può alterare la motilità intestinale, invece la neurologa ha detto di no.
Aiutatemi a capire
Un ultima domanda, queste disestesie possono essere un effetto da una qualche patologia al colon?

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Non vedo pericoli di un " blocco intestinale ". Invece, è vero che quel farmaco può alterarne la funzionalità, quindi non si preoccupi. Non so che cosa intenda con quelle " disestesie ". Può spiegarsi meglio ?
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente
Bruciori sotto pelle agli arti, che si accentuano con il tocco dei vestiti o delle coperte. Ho bruciori diffusi ma che si concentrano alla gamba destra e poco alla sinistra. Soffro anche di prostatite.

[#3]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Quindi un parere più professionale glielo può dare un neurologo.
Prof. alberto tittobello