Utente
Mi è stato prescritto un inibitore della pompa protonica per il reflusso.

1) esiste uno di questi che non contenga mannitolo?
(purtroppo per anni ho avuto il colon irritabile, nella mia dieta è sconsigliato assumerlo)
2) è il caso di prendere in concomitanza un intergratore vitaminico?


Grazie dell'attenzione

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
1) la eventuale quantità di mannitolo contenuta in una compressa è insignificante ed ininfluente sull'intestino irritabile.
2) a che pro?
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente
Grazie dell'interessamento dottore.
1) Bene, mi sento più sereno.
2) ho letto che a lungo andare può succedere che vi sia un minore assorbimento di vit. b12 e magnesio, la motivazione è questa e pure perchè fra la dieta del colon irritabile e il reflusso quello che ingerisco al momento non sia proprio la massima gamma nutritiva.

Per esempio non posso assolutamente mangiare legumi, causa stitichezza per giorni, aria e poi diarrea ( ho la ibs tipo "misto")

Se posso rubarle del tempo, da quando prendo il gaviscon (adesso mi hanno prescitto l'inibitore) e non mangio più latticini e frumento, ho avuto un notevole miglioramento riguardo una rinite cronica anallergica che mi accompagna da settembre 2019.
Ho fatto i test cutanei e non sono allergico a nessun inalante, nel sangue ho ige circa 800 ed eosinofili alti.

Ho questa impressione che parta tutto da qualche patologia digestiva.

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Se ha eosinofili alti ed IgE pari a 800 è sicuramente allergico a qualcosa.
Gli ipp non dovrà assumerli per tempi lunghi ma a cicli.....
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente
L'allergologo mi ha riferito che sarebbe una specie di malattia immunitaria senza che vi sia un'allergia specifica.

Però le prove sugli alimentari non me le ha fatte, può succedere che un'allergia alimentare si manifesti prevalentemente con rinite e saltuari attacchi asmatici?

Io non ci sto capendo più niente.

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
L'allergologo avrà dato un nome a questa malattia. ........
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente
In effetti no, credo che stia aspettando ulteriori esami (citologia nasale e spirometria, putroppo c'è stato il covid in mezzo), ma la sua idea gira intorno ad una rinite anallergica tipo naresma o similari a secondo di quelle esce dalla citologia. Terapia rinoclenil spray nasale.

Rimane che solo con gaviscon e una dieta fortemente limitante (no grano, uova, noci, pesce e latte) la rinite è scesa del 90% e questo è piuttosto sorpedente perchè era ininterrotta da settembre 2019

Purtroppo ho sempre il fiato corto e un peso sotto il petto e occasionale asma leggera.

Mi è capitato anche di avere difficoltà a deglutire, motivo per cui ho provato empiricamente a fare qualche giorno di dieta.

Il medico di famiglia sentendo invece che ho apnea notturna, eruttazione e asma mi ha prescritto l'omeoprazolo.

Comunque la ringrazio, so che è una materia complessa.