Da circa 4 mesi soffro di un dolore/fastidio/ indolenzimento della parte destra addome

Il fastidio è cominciato il 12 ottobre e per un mese è andato avanti ben focalizzandosi a circa 5 cm a destra dell'ombelico.

Assumo 1 bustina di Oki per fare passare il fastidio ma purtroppo ho una brutta reazione esofagea con infiammazione
Il dolore all'addome sembra passato ma in compenso risolvo l'infiammazione di stomaco e esofago con lucen e gaviscon.
Passano 10 giorni e i dolore addominale ricomincia.
provo 15 giorni con debrum capsule ma non passa.

Effettuo analisi del sangue e calprotectina, tutto negativo
Effettuo 2 ecografie a distanza di 2 settimane, entrambe negative
Effettuo anche 2 dirette addome a distanza di un mese visto che nella prima erano presenti livelli idroaerei che però erano spariti a distanza di un mese.

Effettuo gastroscopia con biopsia e aldilà della piccola infiammazione dell'esofago, la biopsia da esito negativo.

Il dolore quasi sparito per una decina di giorni dalla gastroscopia, ricomincia ma più diffuso di primasempre nell'area vicino l'ombelico.

Effettuo allora colonscopia e fino a quando ero sul lettino sentivo distintamente il dolore.
Risultato della colon, negativo.

Indolore si attenua di molto per una decina di giorni e ricomincia piano piano ma non riesco più a localizzarlo precisamente.
È come se avessi un'infiammazione ma con una piccola predilezione sempre per quel punto... alla luce di questo non so davvero cosa fare e soprattutto cosa prendere.
I dolore risponde a Tachipirina ma il giorno do o comunque dopo qualche ora ritorna.
Rispettosa poco prima della colon è un po' migliorato ma sempre presente.
Specialmente in alcune posizioni (tipo seduto e un po' piegato verso il tavolo.
Ora mi chiedo, cosa posso fare?

Risonanza?
Entero risonanza?
Ho abbastanza paura del liquido a contrasto e vorrei provare una terapia differente prima di fare anche questi esami, credete sia il caso o converrebbe continuare ad indagare?

Aggiungo che io sono stato operato di appendicite a 13 anni, adesso ne ho 39 ma il taglio dell'operazione è distante una decina di cm dal punto dove è cominciato il dolore
Vi ringrazio anticipatamente
[#1]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 4k 196
Credo che una diagnosi differenziale vada fatta tra una situazione spastica del colon di destra e un dolore che provenga dalla parete, muscoli, o irradiato dalla colonna vertebrale. Un prodotto antispastico ( non antidolorifico ) farebbe regredire solo il primo tipo di dolore e non il secondo.

Prof. alberto tittobello

[#2]
dopo
Utente
Utente
Intanto grazie davvero tanto per la risposta. Volevo chiederle,ma la terapia con il debrum capsule,può aver escluso qualcosa?
Aggiungo che vado al bagno regolare anche se abbondante (ma mangio anche )
Il "dolore" ,adesso che sono seduto e lo distinguo abbastanza bene. Ho come la sensazione che mi stia puntato un dito in un punto all'interno senza irradiazione.
[#3]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 4k 196
Può provare un altro tipo di antispastico.

Prof. alberto tittobello

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa