Fermenti e ferro insieme

Buongiorno, come ogni giorno, subito dopo pranzo ho assunto l'integratore di ferro, Ferronam orosolubile (ferro, fumarato, acido ascorbico eacido folico) e dopo un'oretta ho preso i fermenti lattici Prolife lacobacilli con vitamina B2, B6, B9 e B12.
Subito dopo l'assunzione dei fermenti ho avvertito un pò di bruciore di stomaco, volevo sapere se poteva essere dovuto ai fermenti associati al ferro o al troppo poco tempo, un'ora, di distanza di assunzione l'uno dall'altro?
grazie
[#1]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 22,9k 903 12
Il ferro dovrebbe essere assunto a digiuno un'ora prima del pasto.
I fermenti credo non abbiano alcuna responsabilità.
Cordiali saluti.

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie per la sua celerissima risposta. Sapevo che il ferro va assunto a digiuno per un assorbimento ottimale, solo che ho scelto di assumerlo dopo pranzo per evitare i classici fastidi allo stomaco che il ferro mi causa avendo già avuto una gastrite anni fa. Sbaglio? inoltre volevo chiederLe quanto tempo deve trascorrere dall'assunzione del ferro per poter prendere i fermenti o bere un caffe o usare l'antiacido per placare un fastidioso reflusso? inoltre i fermenti prolife sono indicati per problemi di stitichezza? Grazie mille dottor Bacosi
[#3]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 22,9k 903 12
Assumere ferro ed inibitori di pompa protonica significa diminuire ancora di più l'assorbimento del metallo.
Se ha reflusso ed acidità eviterei il caffè!!!

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4]
dopo
Utente
Utente
Mi scusi dottore, mi sono espressa male, non mi riferivo ad inibitori della pompa protonica ma al gaviscon al bisogno e dopo pasti elaborati o abbondanti. In realtà ho sempre avuto problemi di assorbimento del ferro, forse sbaglio la scelta degli integratori (poca concentrazione di ferro) o la modalità di assunzione (prima o dopo i pasti) o l'associazione con bevande (caffè,te) o cibi (pane,latticini, cioccolato) o semplicemente essendo portatrice di anemia mediterranea non ne riesco ad assorbire più di un tot, non ho mai risolto nemmeno facendo flebo a giorni alterni quando ero incinta. Potrebbe darmi un vademecum Lei? grazie
[#5]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 22,9k 903 12
Se ha anemia mediterranea il ferro non serve......

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6]
dopo
Utente
Utente
E' più utile l'acido folico?
[#7]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 22,9k 903 12
Non si tratta di cos'è utile.
Occorre sapere assetto del ferro e dosaggio delle vitamine.
Se sono a posto non c'è bisogno di nulla.
Essendo una anemia su base genetica può assumere tutto il ferro e le vitamine che vuole senza alcun beneficio.

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#8]
dopo
Utente
Utente
Dunque gli esami del ferro li ho effettuati 6 mesi fa e avevo la sideremia a 41, la ferritina a 5 e la transferrina a 356, quelli delle vitamine non li ho mai effettuati perchè il mio medico non me li ha mai prescritti, potrebbe dirmi quali sono che provo a chiederli al mio medico? grazie
[#9]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 22,9k 903 12
Vit. B12 ed acido folico.

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa