Paura patologia intestinale e diagnosi

Salve, dal 2016 sono affetto da problemi gastro intestinali.
E' iniziata con una diarrea mattutina e perdita dell' appetito.
poi ho avuto episodi di muchi (1-2 volte in tutti questi anni) e infine diarrea cronica.
Mi sono accorto che mangiando cibi come cioccolata o caffè, devo correre in bagno 20 minuti dopo, diarrea.
Premetto che ho sempre avuto una alimentazione sbagliata, ecco perchè mi preoccupo, mangiando sempre cibi fritti, confezionati, porcherie insomma. Ho dispepsia, non ho lo stimolo di mangiare (anche se ogni tanto lo sento minimamente nella pancia), nausea e meteorismo, a volte con un forte dolore alla parte destra dell' addome, vicino l'ombelico.
Non ho mai avuto una dieta sana.
le feci hanno sempre consistenza diversa, quando non sono a diarrea, sono a piccoli pezzettini, il colore va dal giallo al verde, al marrone scuro.
Ho fatto 2 gastroscopie, risultando ernia iatale e esofagite.
Ma leggendo da internet, di ragazzi della mia stessa età che hanno avuto un tumore al colon, sono andato in panico.
Il problema è questo, ho la fobia dell' anestesia, ho proprio paura di dormire durante procedure simili, quindi ho terrore della colonscopia.
Ho provato a farla con una sedazione leggera, ma fu tanto dolorosa, e non riuscirono a vedere nulla, solo i primi centimentri.
Durante degli esami per un porblema neurologico, ho dovuto fare quest'anno esami come markers tumorali, proteina c, elettroforesi e sangue occulto nelle feci, e sono risultate tutte nella norma.
Ho visitato due gastroenterlogi che dicono possa trattarsi di colon irritabile, uno mi ha consigliato di fare una colonscopia, l'altro non lo ritiene necessario.
Purtroppo ho una paura dopo aver letto le testimonianze di ragazzi giovani online, dove dicevano che la diagnosi è arrivata in ritardo perchè veniva scambiato per colon irritabile. Una neoplasia all' intestino dovrebbe essere rara alla mia età, ma ho paura che tutte le sostanze chimiche di cibi sbagliati abbiano fatto danni, oltre il mio essere in sovrappeso. E molti ragazzi purtroppo l'hanno avuta. Allora vi chiedo, dal 2016 ad oggi, 2021, se fosse stata una neoplasia del colon i valori di markers tumorali, proteina c, elettroforesi e sangue occulto nelle feci sarebbero risultati un minimo alterati giusto? Ho uno zio con morbo di chron, e nonno operato di tumore intestinale.
Se non posso fare una colonscopia per la mia paura della sedazione, potrei fare una risonanza magnetica addome completo?
vorrei escludere una tac perchè ho fatto più esami con raggi x quest'anno, perchè al momento combatto con problemi neurologici come parestesie diffuse e disestesie alla gamba destra, e stimolo della minzione frequente. fatta RM encefalo e midollo completo, nulla da rilevare. Purtroppo farsi prescrivere una risonanza addome da un gastroenterologo è difficile, o forse non ho trovato quelli giusti. Quindi la farei anche privatamente
[#1]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 4k 196
Non si offenda se le dico che l' unica cosa " scientifica " che ha detto è quella riguardo agli esami che sarebbero alterati se lei avesse un tumore, soprattutto dal 2016 non sarebbe qui a scrivere la sua lettera. E' evidente che i suoi disturbi sono dovuti a un colon irritabile, situazione spesso difficile da curare, perché i sintomi sono molto diversi da persona a persona e non sempre regrediscono con le varie terapie. spesso bisogna provarne diverse, prima di trovare quella giusta. Anche per questo motivo, il medico più adeguato a prescrivere cure è sempre il proprio medico, che ne può controllare l' andamento. Se ha dei dolori, si faccia prescrivere uno dei tanti prodotti con azione antispastica, ma non guardi più le feci. E soprattutto non si faccia venire in mente idee strane.

Prof. alberto tittobello

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa