Utente
Buogiorno dottore,
ho 40 anni ed ho appena ritirato esito esami per intraprendere fecondazione assistita.
LH 5.70 UI/L
FSH 6.9 UI/L
Prolattina 498 mUI/L
17 Beta Estradiolo 33 pg/mL
TSH 1.76 mUI/l
AbTPO 19 kUI/L
AbhTg < 20 kUI/L
CA125 13.7 kUI/L

Nel mese di agosto sempre in terza giornata i valori erano:
FSH 8.4 UI/L
AMH 1.4 ng/mL

Gradirei avere un Suo parere sui valori, specialmente di Estradiolo FSH ed AMH, tenga presente che mio marito presenta una marcata oligospermia e quindi ci è stata suggerita la ICSI.
Grazie

[#1]  
Dr.ssa Elisabetta Chelo

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
FIRENZE (FI)
MILANO (MI)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
i suoi esami rientrano nella norma. Per quanto riguarda l'interpretazione clinica dell'FSH e dell'AMH in funzione dello studio della riserva ovarica, la lettura dei dati andrebbe accompagnata dall'esecuzione di una ecografia per la conta dei follicoli antrali.
Il valore dell'AMH è tendenzialmente basso, ma non posso esprimermi perchè lei non mi inserisce il range di normalità del laboratorio dove ha eseguito l'esame.
La saluto cordialmente
Elisabetta Chelo
www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente
Buon giorno dottoressa,
La ringrazio per la risposta che ho letto con ritardo.
Gli esami li ho eseguiti all' OIRM S. Anna di Torino.
Il range di normalità per AMH è 0.2 - 6.6 ng/mL (mio 1.4 ng/mL)
17 Beta Estradiolo 20 - 160 pg/mL ( mio 33 pg/mL)
FSH 3 - 14.4 UI/L ( mio 6.9 UI/L ottobre
8.4 UI/L agosto).
Mio marito presenta severa oligospermia:
N spermatozoi/mL 12000000
N spermatozoi totali 36000000
motilità progressiva 3%
motilità non progressiva 5%
assente 92%
morfologia
forme tipiche 8%
forme atipiche 82%.
Mio marito è stato operato di varicocele IV grado il 4 ottobre. Non sappiamo se aspettarci un miglioramento significativo.
Domande: Quante probabilità di successo ho con una ICSI (data l'età e la situazione del partner)? Una fecondazione eterologa dal lato maschile migliorerebbe la situazione?
Dovrei ricorrere ad un'ovodonazione? Tenga presente che sono al mio primo tentativo di PMA e che attualmente vivo negli USA dove la legge consente tutto, ma i costi sono molto elevati.
Grazie

[#3] dopo  
Utente
Buona sera dottoressa,
il 15 novembre (mio 15° giorno del ciclo) ho fatto un'ecografia che ha rilevato la presenza di 10 follicoli antrali.
So che tale esame dovrebbe essere eseguito nei primi giorni del ciclo, ma purtroppo quello era il primo giorno utile per visita e consulto nel centro a cui mi sono rivolta.
Tale risultato ha valore e se sì è buono o cattivo?
Grazie

[#4]  
Dr.ssa Elisabetta Chelo

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
FIRENZE (FI)
MILANO (MI)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Gentile signora,
La sua riserva ovarica e' adeguata e permette senz'altro di fare un tentativo di ICSI. La situazione di suo marito, non cosi' drammatica, non si tratta di una oligospermia severa, ma moderata.
Non vedo motivo di pensare ad una fecondazione di tipo eterologo , senza nemmeno sapere che tipo di risposta ci possa essere alle stimolazioni. La cosa consigliabile a mio parere sarebbe quella di fare almeno un tentativo. Capisco le sue preoccupazioni di tipo economico, se lei avesse l'opportunita di venire in Italia ed e' ancora residente potrebbe eseguire il ciclo tramite il SSN.
Un cordiale saluto
Elisabetta Chelo
www.centrodemetra.com

[#5] dopo  
Utente
Buona sera dottoressa,
continuo a disturbarLa, ma sono preda di forti preoccupazioni.
Qui, data la mia età e riserva ovarica, mi è stata proposta una ICSI, ovvio per i problemi del partner, ma con stimolazione minima (mini FIV).
Pillola anticoncezionale a partire dall'inizio del prossimo ciclo (27/28-11) fino al 21/12
dal 27/12 inizio monitoraggio e Clomid 50 mg
dal 29/12 inizio Follistim 150 iu
7/1 prelievo ovocitario (stimato)
Questa stimolazione è più leggera, quindi probabilmente fornirà un minor numero di ovociti, ma può essere ripetuta ogni mese.
Gli embrioni vengono congelati con un processo di vetrificazione che sembra dare buoni risultati e trasferiti in utero tre mesi dopo l'ultimo ciclo di stimolazione per via del Clomid che a quanto pare danneggia le pareti uterine.
Nota: dove mi hanno proposto questo protocollo non effettuano test sul DNA del liquido seminale nè diagnosi pre impianto sull'embrione.
La mancata esecuzione di questi test può dare problemi o essere causa di fallimenti?
Questo protocollo potrebbe dare buoni risultati, oppure sarebbe meglio una FIV/ICSI con stimolazione più forte?
Se optassi per la stimolazione "forte" quanto tempo si deve aspettare tra un ciclo e l'altro?
Grazie

[#6]  
Dr.ssa Elisabetta Chelo

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
FIRENZE (FI)
MILANO (MI)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Gentile signora,
L'approccio che le e' stato proposto e' uno dei protocolli possibili. Solo con una buona conoscenza della situazione clinica della coppia si puo' avere un opinione sul protocollo da proporre, ma comunque quello propostole e' unprotocolo codificato e utilizzato anche in Europa. Posticipare il transfer a causa del deterioramento endometriale indotto dal Clomid e' teoricamente corretto, ma deve tenere presente che gli embrioni Crioconservati anche vitrificati perdono in parte la loro capacita' di impianto. Come primo approccio tuttosommato io considererei un protocollo "corto" con antagonisti del GnRh. Non vedo motivo di introdurre altri elementi di aggressivita' come la diagnosi prempianto in assenza di indicazioni genetiche specifiche..
Un cordiale saluto
Elisabetta Chelo
www.centrodemetra.com

[#7] dopo  
Utente
Buonasera dottoressa,
grazie mille delle sue valutazioni e suggerimenti.
Le chiedo nuovamente un consulto sul numero di follicoli antrali.
L'ecografia ha evidenziato 10 follicoli antrali, ma mi è stata effettuata il 15° giorno del ciclo (molto probabilmente il secondo dopo l'ovulazione, dato il rialzo della temperatura basale), a differenza della comune pratica di realizzarlo in terza giornata del ciclo.
Tale misura di 10 follicoli è da considerarsi in ogni caso significativa oppure è falsata dalla avvenuta ovulazione?

Grazie mille del suo supporto


[#8]  
Dr.ssa Elisabetta Chelo

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
FIRENZE (FI)
MILANO (MI)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Gentile signora,
lei ha ragione. La valutazione dei follicoli antrali andrebbe eseguita con le ovaie a riposo e quindi in periodo mestruale. L'ecostruttura ovarica però non cambia le sue caratteristiche sostanziali e un occhio esperto distingue ovviamente i follicoli antrali da quelli funzionali anche se la valutazione è sicuramente meno precisa.
Un cordiale saluto
Elisabetta Chelo
www.centrodemetra.com