Utente
Buongiorno,
non so se questa è la sezione giusta per la mia domanda ma spero mi rispondiate.
sono una ragazza di 33 anni in buona salute.
nell'aprile del 2012 ho subìto un intervento di appendicectomia gangrenosa con grave peritonite diffusa (in pratica il chirurgo mi ha detto che se avessi passato la notte a casa non so se ora sarei qui). ho avuto un decorso post operatorio buono senza grossi problemi se non dolori alla parte operata (cicatrice interna) che durano anche ora.
lo scorso 10/ febbraio 2014 ho subìto invece un raschiamento dell'utero per aborto interno alla 10 settimana, eco interna di controllo sabato scorso, tutto regolare preso antibiotico miraclin fino a sabato scorso..
Anche qui decorso post operatorio normale fino a qualche giorno fa quando iniziato ad avere una leggera febbricola (da 37.1 a 37.3 al massimo) prima solo nel tardo pomeriggio ora anche durante la giornata che scompare subito dopo cena ma senza altri sintomi. Poi ho anche dolori al basso ventre, dolori tipo muscolari nella zona dell'intervento di appendicectomia e anche di tipo intestinali. In bagno vado regolarmente senza problemi, gonfiore alla pancia.
Ho fatto degli esami del sangue e sto aspettando le risposte.
Potrebbe essere solo un problema di aderenze? In generale io sto bene ma questo fastidio alla pancia non mi abbandona ormai da qualche giorno e inizio a preoccuparmi. potete aiutarmi per favore?
Grazie mille. Saluti.

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La storia clinica porta a pensare ad un sindrome aderenziale , ma non esclude una possibile ernia (laparocele?) .
Qui viene fuori tutta l'importanza di una visita , più che di esami strumentali, per eliminare tutti i dubbi diagnostici.
Per quanto riguarda il raschiamento , più in là si potrebbe pensare ad una ISTEROSCOPIA DIAGNOSTICA.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille per la pronta risposta.
Per quanto riguarda l'ernia o laparocele, io non ho segni evidenti è solo una mia sensazione di fastidio e a volte il dolore è in tutto l'addome e non solo nella cicatrice.
L'ultima visita con palpazione del medico e anche ecografia, l'ho fatta a inizio gennaio al pronto soccorso e non da uno specialista ma non vi erano segni di ernie o altri disturbi. Secondo Lei dovrei ripetere la visita?
Di solito il laparocele è visibile anche da me? sono un po' in sovrappeso ma per ora non mi sembra che ci sia.
Nel frattempo ho avuto i risultati degli esami del sangue e sono tutti nella norma (emocromo, elettroforesi, PCR, VES -4-, got) tranne il TSH che è 7.21 mentre FT4 è normale (1.08). quindi non dovrebbero esserci infezioni.
Il mio medico mi ha consigliato di prendere dei fermenti per l'intestino per alleviare i sintomi delle presunte aderenze.
Grazie ancora per la pazienza...sono un po' paurosa!

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Non sempre il laparocele è evidente agli occhi del paziente.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente
grazie ancora dottore.
scusi se insisto ma forse non ho capito.
dalla visita fatta a gennaio al pronto soccorso...se ci fosse stata un'ernia l'avrebbero dovuta sentire giusto? avendo raccontato anche a loro la mia storia clinica e essendo li sempre x dolori addominali (che poi si è scoperto esser dovuti alla gravidanza) se ci fosse stata visto che mi hanno visitata l'avrebbero sentita?

[#5]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
In quel momento poteva essere NON EVIDENTE
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI