Spiegazioni su test di gravidanza

Buongiorno gentili dottori,

ho un dubbio sul funzionamento dei test di gravidanza. Faccio un esempio:

mettiamo il caso che una donna abbia il primo giorno di ciclo il 23 maggio; da quanto ne so, dopo circa 14 giorni avviene l’ovulazione (in caso di regolarità ovviamente), quindi diciamo intorno al 6 giugno. Dopo altri 14 giorni circa si presenta la mestruazione, quindi circa il 20 giugno. Ora, la mestruazione non arriva; per cui si ha un ritardo, che, sempre da quel che so, può essere causato unicamente da una ovulazione tardiva, in quanto la fase luteale è sempre fissa. Ora mettiamo anche il caso che la donna abbia avuto sempre rapporti a rischio tutto il mese, mediamente due volte a settimana. Fa un test di gravidanza dopo una decina di giorni dalla data prevista della mestruazione ed è negativo. Se però il ritardo è dovuto sempre ad una ovulazione tardiva, il test non ha più validità o sbaglio? Quindi non avendo idea di quando ci sia stata l’ovulazione, la donna deve continuare a fare test in maniera da coprire tutto il mese? Se per esempio l’ovulazione invece di avvenire il 6 è avvenuta il 20, il test non ha alcuna validità in quanto non sono passati 14 giorni dal rapporto.
È giusto il mio ragionamento? Perché si dice che un test dopo una settimana di ritardo è già attendibile, se spostando l’ovulazione avanti di una settimana non sono passati i 14 giorni dal rapporto?

Grazie
[#1]
Dr.ssa Valentina Pontello Ginecologo, Perfezionato in medicine non convenzionali 8,1k 178 76
Gentile Signore,

il ciclo mestruale è molto soggetto a sbalzi legati allo stress e ai cambiamenti climatici, e non sono infrequenti cicli anovulatori e ritardi o anticipi mestruali.
Quindi, se il ritardo non è giustificato da una gravidanza in corso, la cosa da fare è programmare una visita ginecologica, che darà indicazioni se sia avvenuta o meno l'ovulazione.

Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dottoressa,

la ringrazio per la risposta, tuttavia il mio era un quesito più generico, non un caso pratico.
Quindi in estrema sintesi, esistendo queste fluttuazioni del ciclo mestruale, un test di gravidanza non è mai definitivo se la donna continua ad avere rapporti?

Grazie

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa