Utente 438XXX
Buon pomeriggio,
vi scrivo per delle problematiche legate al ciclo che ho da qualche tempo. Ho sempre sofferto di dismenorrea, fin da quando ho avuto le prime mestruazioni. Ho sempre avuto anche un ciclo molto irregolare (a volte dopo 30 giorni, a volte dopo 60, dipende) e, da qualche anno, mi hanno diagnosticato le ovaie multifollicolari. Non ho mai seguito terapie ormonali. La cosa che mi ha spaventata, però, è che gli ultimi due cicli sono stati estremamente dolorosi, con crampi che mi facevano letteralmente urlare e bisogno di andare in bagno e spingere (evacuando all’inizio normalmente e poi sempre meno feci ma via via più morbide) e anche conati di vomito. La prima volta (quindi il ciclo che ho avuto a giugno) i dolori sono durati circa 6 ore e li ho gestiti con la Tachipirina. La seconda volta (ciclo di luglio), invece, ho dovuto associare anche il Buscopan (e ho avuto una tregua per tre ore) ma, verso sera, sono stati talmente forti che nonostante la Tachipirina 1000 si è resa necessaria la visita al pronto soccorso. Lì mi hanno eseguito visita ed ecografia transvaginale, la quale non ha evidenziato nulla (nemmeno follicoli nelle ovaie) se non l’intestino molto irritato. Mi hanno fatto una flebo di antispastici e una di paracetamolo e il dolore è sparito, e mi hanno detto che secondo loro il problema era intestinale.
So di soffrire da anni di colon irritabile e molto spesso ho la pancia gonfissima e dolori, ma non ho mai trovato una terapia efficace. Soffro anche di gastrite, e sia colon irritabile che gastrite peggiorano terribilmente nei giorni prima del ciclo. Non ho un flusso abbondante ma dura circa 7 giorni ed è abbastanza grumoso (a volte con grumi di colore rosa e dall’aspetto simile a tessuto e non a coaguli di sangue). La mia paura più grande è che si tratti di endometriosi, malattia sulla quale mi sto informando in questi giorni. Non so dire se soffro di dolori durante i rapporti perché, essendo lesbica, la penetrazione non viene più di tanto privilegiata - con la penetrazione manuale ogni tanto provo bruciore a livello della vagina ma non ho dolori pelvici. Ho prenotato una visita con un altro ginecologo perché questi episodi mi hanno spaventata molto e la mia ginecologa al momento è in ferie, ma mi interessava sapere se appunto, i sintomi potessero combaciare con l’endometriosi e se anche i fenomeni di pancia gonfia dopo i pasti fosse correlata. Purtroppo questa ipotesi mi spaventa parecchio e sto sperando che si tratti di semplice dismenorrea particolarmente potente, ma leggendo su internet è facile suggestionarsi e lasciare che l’ansia vinca sul resto. Altra informazione da aggiungere: ho smesso di assumere FANS per via della gastrite, ma devo dire che a volte la Tachipirina mi aiuta, altre volte (come queste ultime) è acqua fresca.
Vi ringrazio anticipatamente e vi porgo i miei saluti!

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prima di tutto è importante dosare almeno il CA125 marcatore importante dell,endometriosi.Inoltre escludere una vaginite, una cervicite una flogosi pelvica(pid). Una situazione clinica da studiare accuratamente, impossibile emettere un giudizio definitivo. Salutoni
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 438XXX

La ringrazio infinitamente per la risposta! Al momento mi sentirei comunque di escludere le patologie da lei citate in quanto, nell’ultimo controllo ginecologico effettuato prima del ricovero in ps, non risultava assolutamente nulla di anomalo se non leggero ispessimento dell’endometrio (7.2 mm), causato dall’imminente arrivo del ciclo, e qualche follicolo ovarico.
Domani andrò a fare l’impegnativa per il CA125. Volevo chiederle se comunque fosse possibile aver avuto due cicli così dolorosi, senza che ci sia una causa effettiva, ma semplicemente per o squilibri ormonali o cambio di stagione, o se sia invece sempre riconducibile ad una causa fisiologica.

Grazie ancora!

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Le cause sono innumerevoli , mi ripeto vanno esaminate le varie opzioni
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI