Utente 564XXX
Buongiorno,
Il 18 settembre ho effettuato un Ivg
Ad oggi ho ancora qualche perdita.
1. Dureranno ancora molto?
2. Il ciclo quando tornerà all'incirca?
3. ci sarà ovulazione prima oppure sarà un sanguinamento come quello che avviene assumendo la pillola?
4. Se avessi, durante l' operazione, contratto infezione o aderenze, mene accorgerei fisicamente?
5. Ultima.. è possibilmente che la precedente gravidanza abbia influenzato sugli ormoni a tal punto da farmi propendere per ivg?
Questo perché io un figlio lo volevo.
Ai primi tentativi è arrivato quasi inaspettatamente ma non appena ho scoperto di essere incita, la mia mente ha rifiutato.
Ad oggi sono molto pentita e darei qualsiasi cosa per rimediare.
Ora sono ancora la stessa di prima, ovvero desidero ancora molto un figlio, forse di più ma temo che gli ormoni, perché almomento non ho altra spiegazione, possano influire negativamente su di me.
Grazie per l'ascolto

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Da Medico NON obiettore , credo moltissimo nella contraccezione sicura per evitare che la donna si trovi in queste (tragiche) situazioni.
1. le perdite ematiche se continuano conviene assumere dei contratturanti uterini e antibiotici.
2. solitamente il cosiddetto capo-aborto ( primo flusso dopo un aborto ) compare dopo trenta/quaranta giorni
3. la ripresa della ovulazione non è certa (anche se ci sono state gravidanze immediate per una ripresa precoce dei rapporti )
4. non ci sono criteri per definire in questi casi una probabile infezione, per questo motivo è consigliabile l'assunzione dell'antibiotico
5. ASSOLUTAMENTE NO!
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 564XXX

Caro Dottore la ringrazio per la tempestiva risposta.
I metodi contraccettivi li avevo sospesi per iniziar ela ricerca di una gravidanza in quanto avevo il desiderio di avre il secondo figlio.
Per questo le ho posto la domanda n. 5 in quanto, ancora oggi, non riesco a capacitarmi di come abbia potuto eseguire un ivg. Ed è per questo che attribuivo, senza per questo deresponsabilizzarmi, la colpa agli ormoni.

Un' ultima cosa.
In caso di ripresa dell'ovulazione posto aborto, può avvenire anche durante le perdite dovute all'operazione?

Sono d'accordo sul fatto che andrebbe fatta prevenzione ma soprattutto molta informazione fin da piccoli, in quanto mi ritrovo a dover richiedere cose che sarebbe naturale dover conoscere.

Saluti

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Certo ci può essere una pronta ripresa dell'ovulazione.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente 564XXX

La prima volta che io ed il mio compagno abbiamo provato ad avere un figlio, è arrivato dopo 4 tentativi.

Il secondo, quello dell IVG, è avvenuto dopo 1 tentativo.

Secondo Lei è solo fortuna?

[#5]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Dipende da cicli ovulatori
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#6] dopo  
Utente 564XXX

Sempre gentilissimo Dottore
In che senso esattamente dipende dai cicli ovulatori?
Un ciclo è sempre ovulatorio.

In base a quanto detto, secondo Lei potrei non avere problemi nel cercare nuovamente una gravidanza?

Nella sua carriera, ha mai riscontrato problemi post ivg?

Buona domenica

[#7]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Ci potrebbero essere cicli ANOVULATORI , anche in donne normalmente fertili!
Come le ho già riferito , se non ci sono state complicanze post IVG , l'insorgenza di una gravidanza non è un problema.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#8] dopo  
Utente 564XXX

Le chiedo gentilmente un parere pur coniderando le varianti.

Sabato 28 ho avuto un rapporto non protetto.
Il giornedì successivo sulla cartaigenica ho notato muco un pò scivoloso ma non filante e sempre in quella settimana avevo la sensazione di bagnato.

Domenica 6 altro rapporto non protetto.

1.Quello che ho notato sulla cartaigenica era la fine del periodo di ovulazione oppure l'inizio?

2.Potrebbe esserci la possibilità di aver avuto rapporti nel periodo fertile?

3.Quanto sopravvivono gli spermatozoi?

Cordialmente