Utente
Salve dottori sono una donna di 38 anni, da ben 14 anni soffro di dolori forti, da non riuscire a stare in piedi, al basso ventre (utero, vagina, intestino, retto, ano) nel periodo dell'ovulazione (tutti i 10 giorni antecedenti il ciclo), da più di un anno ho anche fuoriuscita di sangue dall'ano soprattutto in questi giorni, nel restante mese nulla tutto ok e anche la mestruazione non è né dolorosa né abbondante.

Nelle varie visite/ ecografie mi hanno sempre detto che non poteva essere endometriosi, finché 6 mesi fa una ginecologa mi prescrisse una risonanza magnetica con contrasto, dalla quale però non sono risultate placche di endometriosi.

Questo ciò che dice la risonanza: "Utero antiversoflesso, latero-deviato con corpo a destra e cervice a sinistra; in sede istmica sottosierosa è evidente mioma a contorni bilobati delle dimensioni di 31x34x27mm circa; altre tre micronodulazioni sottosierose di analogo significato si apprezzano al corpo, rispettivamente due alla parete anteriore ed una alla parete posteriore, la cervice è in stretto rapporto di contiguità con la parete antero-laterale sinistra del retto distale.

Regolare il canale vaginale.

Gli annessi in sede mostrano microcisti follicolari ed appaiono in stretto rapporto di contiguità il destro con alcune anse ileali, peraltro prolassate, ed il sinistro con il tratto prossimale del sigma in condizione di dolicosigma.

Lineare ispessimento del setto retto-vaginale.

Regolare la vescica.

Non evidenti immagini riferibili a focolai endometriosici.

Assenza di versamento ascitico nello scavo pelvico.
"
La mia ginecologa mi ha quindi detto che non è endometriosi e che devo rivolgermi ad un gastroenterologo e ad un chirurgo perché i miei problemi sono relativi al solo intestino, a livello ginecologico è tutto ok.

A me sembra strano perché io questi dolori li ho solo durante l'ovulazione, come fa a non essere un problema ginecologico?

Se fosse solo un problema intestinale non dovrei stare sempre male?

Io so che ci sono casi in cui l'endometriosi può non vedersi neanche con la risonanza, ma direttamente con la laparoscopia... Potrei sapere il vostro parere al riguardo?

Non ne posso proprio più, questo male mi ha rovinato la vita, sono impossibilitata ad avere rapporti, a lavorare, a svagarmi, una condanna da 14 anni che non mi permette di vivere liberamente la mia vita e nessuno riesce mai a darmi una spiegazione certa, non sarò mica pazza che me lo invento?

Ogni parere è ben accetto, grazie per l'attenzione dottori.

Distinti saluti.

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Mi permetto di essere d'accordo con la Collega , avendo valutato casi simili nella mia esperienza clinica ambulatoriale.
La coincidenza del dolore con il periodo ovulatorio potrebbe essere collegata all'irritazione peritoneale causata dallo scoppio follicolare con versamento di liquor follicolare nella parte bassa della pelvi , dove sono collocate parte delle anse intestinali (......alcune anse ileali, peraltro prolassate, ed il sinistro con il tratto prossimale del sigma in condizione di dolicosigma.........)
Potrebbe valutare se l'assunzione di un estro-progestinico (quindi blocco dell'ovulazione ) porta a miglioramento della sintomatologia algica. confermando cosi la mia ipotesi.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno dottore la ringrazio per il suo intervento, purtroppo ne ho provato 4/5 di pillole anticoncezionali e anche un progestinico dufaston, ma tutte con esito negativo, praticamente i dolori che ho durante l'ovulazione con la cura ormonale li avevo tutto il mese, in continuazione, anche perché con la pillola si blocca la produzione dell'ovulazione ma non l'endometrio, credo...
Per questo non l'ho più presa anche perché ho problemi circolatori, ho già fatto una safenectomia e ho l'omocisteina alta, con mutazione genetica omozigote.
Se fosse come dice lei oltre cure ormonali, che non posso prendere, cosa potrei fare? Un gastroenterologo potrebbe aiutarmi o c'è qualcos'altro a livello ginecologico che si può fare?
Grazie per l'attenzione. Distinti saluti.