Utente
Gent.
mi Dottori,
innanzitutto mi scuso se le domande risulteranno stupide o già sentite.

Ho un dubbio che non mi fa dormire la notte, anche se probabilmente è una stupidaggine.

Innanzitutto preciso che sono vergine, pur non essendo una ragazzina, ma veniamo al dunque.

Mi imbarazza un po' parlarne ma vorrei ricevere delle delucidazioni.


Sto avendo le prime esperienze di masturbazione/petting con il mio ragazzo, ieri è venuto sulla sua pancia dopo che gli ho praticato sesso orale.

Ci siamo puliti con fazzoletti, credo e sono quasi sicura al 100% che ci siamo lavati le mani, ma con solo acqua.

Dopo qualche minuto, mi ha praticato lui del sesso orale, toccandomi anche molto delicatamente e non in profondità (ribadisco che sono vergine, quindi con le dita è stato molto in superficie altrimenti mi da fastidio) con le mani e con le dite.

Il dubbio è questo, è possibile che, se vi fossero tracce di sperma, si rischi una gravidanza praticandomi una masturbazione leggera in superficie con le dita?

E' possibile rischiare una gravidanza se lui si sfrega su di me, avendo lui sempre le mutande?

Preciso, anche se irrilevante se non c'è pericolo, che dovrei essere nei miei giorni fertili

Grazie e scusate forse la stupidità di queste domande, sono alle mie prime esperienze, e ho un po' di ansia.

[#1]  
Dr.ssa Paola Scalco

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ASTI (AT)
CASTELL'ALFERO (AT)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazza,
in attesa che un medico (io sono psicologa psicoterapeuta e sessuologa clinica) le fornisca una risposta specifica, mi consenta qualche riflessione e qualche domanda.

Le sue richieste non sono affatto stupide, semmai sono indice di quanta necessità ci sarebbe di un'educazione sessuale permanente, che accompagni le persone nel loro percorso di vita e le aiuti a risolvere dubbi e/o disagi man mano che si presentano (anche a 70 anni!).
Quando l'ansia si insinua nella sessualità rischia di renderla meno soddisfacente, se non addirittura di porre le basi per future problematiche.

Indipendentemente dal fatto di non avere ancora avuto un rapporto completo, ha già effettuato in vita sua una visita ginecologica?
In che misura ritiene di conoscere il suo corpo?
Ha notato se c'è un collegamento tra il fastidio che racconta di provare e le sue differenti predisposizioni fisiche (maggiore o minore eccitazione) e mentali (maggiore o minore tranquillità) tra un'occasione di "contatto" e l'altra?

Cordialità.
Dr.ssa Paola Scalco, Psicologa
specialista in Psicoterapia Cognitiva e perfezionata in Sessuologia Clinica
paola.scalco@gmail.com

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dottoressa,
la ringrazio innanzitutto per la risposta e per aver focalizzato, in parte, il problema.

Ahimè ho una famiglia (mia madre più che altro) piuttosto all'antica e con una mentalità molto chiusa in ambito sessuale.
Sicuramente non approverebbe che io abbia rapporti prima del matrimonio.
Chiaramente è una sua idea, io la penso diversamente, ma il suo giudizio mi ha sempre un po' frenato in questo senso, ma ora vorrei davvero fare quello che mi sento.

Ho 25 anni, non avendo particolari disturbi, non ho ancora eseguito visite ginecologiche,  vorrei comunque sottopormi ad una visita di controllo al più presto, nei prossimi mesi.
Chiaramente, a pensarci ora, avrei sicuramente un po' di timore, dal momento che mia madre tiene particolarmente a seguirmi durante le visite di controllo, è chiaro che prima o poi dovrò affrontare il problema con lei, ma ora non vorrei pensarci.
Mi sono informata circa i metodi contraccettivi per eventuali rapporti completi, e non ho dubbi in questo senso.

La ringrazio infinitamente per il suo tempo