Utente
Gentili dottori, sono una donna italiana di 34 anni, alla seconda gravidanza (la prima esitata in aborto spontaneo precoce).
Attualmente sono a 16 settimane e 1 giorno.
Sono portatrice sana di anemia mediterranea e da sempre ho livelli di emoglobina tra 10 e 11.
Premetto che seguo una dieta equilibrata, ricca di vitamine, e prendo gli integratori che mi sono stati prescritti.

Il 30 giugno il valore era sceso a 9.7, il 16 luglio (13+2) a 9.3 e il 1 agosto (15+4) addirittura 8.6
Mi è stato detto di prendere compresse di ferro (200mg corrispondenti a 65mg 2 volte al giorno) ma l'emoglobina continua a scendere nonostante, al telefono oggi, mi abbiano detto che la ferritina è alta (non mi hanno detto il valore, folati e b12 han detto nella norma).
A questo punto sono un po' preoccupata, so che alti livelli di ferro non fanno bene in gravidanza ma anche un livello di emoglobina troppo basso può essere un problema.
Ho una visita ginecologica il 18 agosto e nel frattempo non so come comportarmi, se prendere o meno il ferro o cosa fare.
La mia pressione è perfetta 103/69 i però battiti 109.

Vorrei sapere come comportarmi o che esami richiedere, vivo in Inghilterra e ho come la sensazione che non sappiano come trattare con il tratto talassemico.
Sicuramente mi sbaglio, sono solo un po' in ansia.

Grazie in anticipo

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Nelle persone portatrici di trait talassemico , quasi sempre la sideremia è normale o più alta , per via dell'accelerato turnover dei globuli rossi (che sono più piccoli > microcitemia ) .Bisogna somministrare dosi generose di ACIDO FOLICO dosando mensilmente la folatemia..
Questo secondo le linee guida.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI