Non riesco a debellare la candida glabrata alta carica

Gentilissimi dottori.


Sono una ragazza di 30 anni con sindrome dell’ovaio micro policistico.

Ho assunto la pillola anticoncezionale per circa 10 anni.

Alcuni periodi in cui non la prendevo, il ciclo non c’era.

Ed è anche così da 5 mesi da quando in accordo con il mio ginecologo, ho deciso di non prenderla più.


A questo si aggiunge un’infezione da candida glabrata alta carica che risulta sempre da tamponi effettuati da circa un anno e mezzo.

Accompagnata da un taglietto fastidiosissimo e dolorosissimo, nella zona perianale.

Dopo aver assunto da tanti, troppi mesi antimicotici per via orale, diverse tipologie di ovuli e spray locali cicatrizzanti, ovviamente prescritti dal ginecologo, mi ritrovo a distanza di circa due anni, a non aver risolto praticamente nulla.


I rapporti con il mio compagno sono diventati impossibili perché dolorosi, quelle rare volte che proviamo ovviamente utilizziamo lubrificanti perché ho anche una secchezza vaginale che immagino mi abbia causato l’assunzione prolungata della pillola.

Escludo quindi una gravidanza.


Sono molto scoraggiata perché se da un lato c’è la sindrome PCOS che già di suo rende complicato l’instaurarsi di una gravidanza, dall’altro c’è questa infezione da Candida che non va via che non riesco a debellare definitivamente, e mi preclude la possibilità di avere rapporti per provare ad avere una gravidanza.

Non vedo via d’uscita.

Chiedo un consiglio ad un dottore eventualmente anche specialista nel settore delle infezioni vaginali.

Grazie mille a chi mi risponderà.

Buona giornata.
[#1]
Dr. Nicola Blasi Ginecologo 39,5k 1,2k 244
Prima di tutto è importante separare le due cause che generano fastidio e bruciore. La prima causa potrebbe essere una VULVITE IRRITATIVA (""Accompagnata da un taglietto fastidiosissimo e dolorosissimo, nella zona perianale....."".) che interessa la VULVA (genitali esterni ) non la vagina , e in secondo luogo essere certi della diagnosi , con ANTIMICOGRAMMA e coltura per individuare il MICETE in causa : CANDIDA? TORULOPSIS ? ect
Altro non è possibile aggiungere , queste sono tutte ipotesi diagnostiche che vanno confermate.
SALUTI

dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie per la risposta.
I tamponi completi con ABG che ripeto spesso danno sempre risposta: CANDIDA GLABRATA ALTA CARICA. Infatti ho sempre perdite bianche male odoranti.
Il taglietto invece all’inizio era più lungo, con gli antimicotici si é accorciato un po’ ma parte sempre dai genitali interni. Forse la terapia deve essere prolungata, (anche se già la faccio da più di un anno)? Grazie mille.

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa