Probabile candida

Buongiorno, sono una ragazza di 23 anni.
Qualche giorno fa ho cominciato a sentire disturbi alla vulva, dovuti ad arrossamento e gonfiore.
Con il passare dei giorni si è poi accostato un insopportabile e dolorosissimo bruciore mentre urino.
Sono stata dal medico di base che ha trattato il mio disturbo come cistite, prescrivendomi il monuril.
Ma a seguito della prima assunzione non è migliorato il dolore, così sono stata dalla ginecologa che però ha avuto serie difficoltà a visitarmi avendo le mestruazioni.
Crede però si tratti di una candida e mi ha prescritto una cura da effettuare non appena terminate le mestruazioni.
Ma il dolore non è cessato così ho provato comunque a utilizzare un ovulo, a seguito del quale però sono stata ancora peggio, tanto da voler andare al pronto soccorso.
Oggi ho richiamato la mia ginecologa che mi ha nuovamente confermato di non iniziare la cura prima del termine delle mestruazioni, ma per calmare il dolore nel frattempo mi ha prescritto la cura per via orale, avvertendomi però che proprio a causa delle mestruazioni lei non è sicura si tratti di candida, quindi mi sconsiglia comunque la cura per via orale.
Tuttavia il mio dolore persiste e peggiora, vorrei fare qualcosa per alleviarlo quindi credo di iniziare comunque la cura.
Avete consigli alternativi per calmare il dolore, o ancora qualche avvertenza relativa alle controindicazioni della cura per via orale qualora non dovesse trattarsi di candida?
[#1]
Dr. Nicola Blasi Ginecologo 39,6k 1,2k 244
La prima cosa da trattare è la vulvite irritativa , che potrebbe essere stata causata da una vaginite (??) o sostanze allergizzanti , questo non è possibile affermarlo con sicurezza.
Non prescriverei mai una terapia , con una diagnosi empirica.
Come terapia sintomatica potrebbe ricorrere ad all'uso di anti-istaminici e impacchi con soluzione diluita si acido borico .
SALUTONI

dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille Dottore, speriamo migliori.

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa