Utente 355XXX
Buongiorno,
sono un ragazzo di 27 anni che nel novembre 2017 si è sottoposto ad un intervento di chirurgia ortognatica bimascellare.

A marzo di quest’anno, mentre mi abbassavo a prendere un barattolo, una mia amica ha aperto in contemporanea il freezer (un congelatore orizzontale) e mi ha colpito bruscamente sulla parte sinistra del volto.
Ho subito avuto dolore vicino al mento e allo zigomo, passato poi dopo circa una settimana.

Quello che non è passato del tutto invece è il dolore all’ ATM sinistro. Fastidio che avverto saltuariamente mentre faccio alcuni movimenti con la bocca o a volte durante la masticazione.
Ho fatto una RMN senza contrasto all’articolazione della mandibola e il risultato è un bollettino di guerra:

Il condilo mandibolare destro presenta struttura marcatamente alterata, con superfici irregolari, in parte erose e in parte osteofitosiche, e con disomogeneo segnale della spongiosa in cui si riconoscono areole di edema.
La rima articolare, a bocca chiusa, e di ampiezza ridotta e il disco, nettamente degenerato, risulta dislocato anteriormente.
A bocca aperta l'escursione anteriore del condilo risulta nettamente ridotta rispetto alla norma, la rima articolare è sottile, e il disco persiste dislocato anteriormente.
A sinistra il condilo mandibolare è modicamente alterato per fatti artrosico-degenerativi.
Il disco articolare, in condizioni di bocca chiusa, si riconosce dislocato anteriormente rispetto al condilo, con morfologia ancora conservata.
A bocca aperta, l'escursione anteriore del condilo rispetto al tubercolo del temporale è inferiore alla norma, seppur con ricattura del disco articolare; la rima articolare è di ampiezza ridotta

Avevo già problemi prima della chirurgia (scrosci e rumori vari da anni, però mai dolore) ma con l'intervento temo si siano acuiti. Inoltre non penso che il colpo abbia creato problemi, piuttosto fatto emergere un quadro già problematico.

Ho visto un medico molto preparato a Treviso che mi ha detto che nonostante l’importante quadro artrosico lui non farebbe nulla fino a quando non si presentano dolori cronici.
La prevenzione in questo caso non servirebbe a nulla secondo i suoi studi (nemmeno con artrocentesi ed iniezione di acido ialuronico).
Settimana prossima mostrerò il referto e la risonanza al mio dentista e al mio chirurgo.
Nel frattempo, voi cosa mi consigliereste?
Ciò che mi terrorizza è la possibilità di una recidiva. In questo sono stati tutti piuttosto vaghi anche se a tratti rassicuranti.

Aspettando una vostra risposta vi ringrazio sentitamente!

Riccardo

[#1]  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
".....Avevo già problemi prima della chirurgia (scrosci e rumori vari da anni, però mai dolore) ma con l'intervento temo si siano acuiti. Inoltre non penso che il colpo abbia creato problemi, piuttosto fatto emergere un quadro già problematico...."


In presenza di disordine temporo-mandibolare va prima trattato conservativamente il TMD,prima di qualunque altra terapia,ortodontica,protesica,chirurgica.
Possibile un peggioramento legato alla terapia ortodontico-chirurgica di un problema pregresso(malocclusione).
Legga gli articoli informativi per capire meglio


https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1968-disordine-temporomandibolare-e-dolore-facciale.html


https://www.medicitalia.it/blog/gnatologia-clinica/2613-disordine-temporomandibolare-quale-terapia.html



".....Ho visto un medico molto preparato a Treviso che mi ha detto che nonostante l’importante quadro artrosico lui non farebbe nulla fino a quando non si presentano dolori cronici.
La prevenzione in questo caso non servirebbe a nulla secondo i suoi studi (nemmeno con artrocentesi ed iniezione di acido ialuronico)...."


A tale proposito digiti su internet "mandibular strechting " ,e consideri che l'ATM necessita dello stesso approccio di qualunque altra articolazione come ad esempio la fisioterapia,il biofeedback,ecc.

Se ha domande chieda pure


Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia