Acufene notturno 27 anni

Ho 27 anni e da un mese a questa parte esclusivamente alla sera mi viene un ronzio ad un solo orecchio, è una sorta di vibrazione a bassissima frequenza, sui 60 hz.

Ho già fatto una visita dall'otorino e non ha riscontrato niente, non ho ipoacusia (sento 10/10), timpano pulito e tuba di Eustachio perfetta.

Di giorni anche se sto in perfetto silenzio per molto tempo, non sento alcun disturbo.

L'acufene persiste tutta la notte, è passa la mattina 10 minuti dopo che mi alzo, per poi ritornare in tarda serata.

Premetto che da un po di anni alcune notti sentivo questo ronzio, ma è sempre durato alcune notti e soprattutto era di bassa intensità.

Adesso è di intensità molto alta, ed è presente ogni sera.

Altra premessa, soffro di postura scorretta con tensioni cervicali, lombari e cervicobrachialgia, tutto stesso lato dell'orecchio incriminato, sento anche tensioni sotto l'orecchio e in prossimità dell'orecchio stesso.

Ho fatto una visita da un osteopata che ha riscontrato uno squilibrio mandibolare nella serratura dei denti e nella deglutizione e una forte contrattura allo sternocleidomastoideo e a tutti i muscoli vicino l'orecchio incriminato, sento anche un po di dolore alla mandibola alla pressione
L'unico sintomo che sento di giorno è una sorta di pressione differente rispetto all'altro orecchio (come se fosse leggermente tappato) e a volte sento che il timpano pulsa velocissimo.

Quindi vorrei sapere se possa essere un acufene causato da problemi muscolari o mandibolare, invece che un acufene causato dal l'orecchio, visto che è raro avere una patologia dell'orecchio senza avere ipoacusia.


Grazie mille
[#1]
Dr. Alessandro Fedi Ortodontista, Dentista, Gnatologo, Psicoterapeuta 136 5
Complimenti per la descrizione molto precisa.
Sì, è molto probabile la prima ipotesi. In letteratura è descritto da tempo come la contrazione eccessiva di uno Sternocleidomastoideo possa essere correlata all'acufene.
Se l'osteopata non ha risolto credo che sia opportuno che verifichi presso uno gnatologo l'opportunità di farsi realizzare un bite riequilibratore.

Caramente

Alessandro Fedi

Dr.Alessandro Fedi Spec.Ortognatodonzia Gnatologo Psicoterapeuta con Ipnosi www.guardachesorriso.com www.journal.studiofedi.com/ www.ipnosiodon

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille della risposta,
Ho solo fatto la prima seduta dall'osteopata.
Mi consiglia di continuare il percorso con osteopata o fare qualche altra visita più specialistica?
Inoltre la cosa che mi lascio più confuso è che il ronzio mi viene solo alla sera, e in maniera intensa nel senso che riesco a sentirlo anche con la TV accesa, invece di giorno, anche se sto in silenzio non sento niente. Inoltre ho notato che è molto più accentuato quando sono sdraiato piuttosto che in piedi.
[#3]
Dr. Alessandro Fedi Ortodontista, Dentista, Gnatologo, Psicoterapeuta 136 5
L'osteopatia in astratto è una cosa, la persona osteopata un'altra. Intendo dire che due o tre sedute dovrebbero essere sufficienti ad inquadrare un caso e la sua possibile riduzione sintomatologica con manovre appropriate. Altrimenti .....meglio cambiare terapeuta: in questi casi il criterio ex juvantibus è quello giusto. Ma l'osteopata non le ha consiglaito d irivolgersi in contemporanea ad un gnatologo?
Penso inoltre che un bite notturno la potrebbe aiutare . Ferma restante l' esclusione di patologia altra in ambito ORL e Neurologico.

Dr.Alessandro Fedi Spec.Ortognatodonzia Gnatologo Psicoterapeuta con Ipnosi www.guardachesorriso.com www.journal.studiofedi.com/ www.ipnosiodon

[#4]
Dr. Sergio Formentelli Dentista, Gnatologo, Ortodontista, Odontostomatologo 6,8k 208 18
Una visita gnatologica e probabilmente una terapia gnatologica ritengo sia un passo fondamentale che lei deve compiere.
L'osteopata può ottenere dei risultati transitori, mentre uno gnatologo può ottenere risultati duraturi.

www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

L'acufene (o tinnito) è un disturbo dell'orecchio che si manifesta sotto forma di ronzio o fischio costante o pulsante. Scopri i sintomi, le cause e i rimedi.

Leggi tutto

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa