Utente
Buongiorno,
Ieri ho eseguito il test delle urine presso lo studio di medicina del lavoro per la mansione carrellista.

L'infermiere, vedendo i risultati, mi ha comunicato che avrebbe mandato il campione al laboratorio, in quanto il suo test rileva se sono presenti tracce ma non la quantità (si parla di thc).

Sono un po' scettico: il test è stato condotto con un dispositivo elettronico collegato al pc... Mi sembra strano che non rilevasse un valore preciso, piuttosto che delle generiche tracce.

Mi confermate che nel caso del test di primo livello può essere che non si misuri il cutoff ma solo la presenza?

Inoltre nel pomeriggio ho comprato un test in farmacia, la linea che doveva essere assente in caso di positività era molto, molto sbiadita, appena percettibile.
Il cutoff è lo stesso di 50 nanogrammi, e sul test c'è scritto "per uso professionale".
Sapete indicarmi che significa?


Grazie mille in anticipo e buon lavoro.

[#1]  
Dr. Domenico Spinoso

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)
SAN DANIELE DEL FRIULI (UD)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2018
Gentile utente,
il sistema utilizzato nell'esame che ha effettuato per il lavoro è identico a quello che lei ha effettuato privatamente. E' un metodo immunochimico. La differenza consiste nella modalità di lettura: visiva quello che ha effettuato lei (le due lineette di controllo e test); sempre visiva, ma letta dal computer quello effettuato sul lavoro.
In entrambi i casi il metodo è di tipo qualitativo e non quantitativo: il risultato indica soltanto se è stato superato il valore ti Cut-off ma non specifica il valore.
Il test di conferma che verrà effettuato in laboratorio utilizza un metodo diverso che è in grado sia di quantificare la sostanza che di tipizzarla (per esempio: il metodo immunochimico non è in grado di distinguere cocaina da codeina, il metodo usato in laboratorio si).
Questo il motivo per il quale in caso di positività con il primo esame, lo stesso campione di urina viene sempre (salvo che il soggetto non dichiari l'uso della sostanza stupefacente) inviato al laboratorio per il test di conferma.
Cordiali saluti
Dr. Domenico Spinoso
Medico del Lavoro