Utente
Buona sera Dottori,
Sono un ragazzo di Catania (28 anni).
Avevo iniziato l'anno scorso il salto della corda, che poi ho interrotto e adesso ho ripreso.
Sono arrivato a fare 10 minuti di salto della corda (120 salti al minuto) con diverse pause: 30 secondi di salto e 15 minuti di pausa.
Volevo chiedervi se saltare la corda per oltre 15 minuti facesse male alle articolazioni delle gambe e al pavimento pelvico.
La mia intenzione era progredire (con i giusti tempi) e arrivare a 30 minutini per 3 volte alla settimana.
Per mantenersi in forma è meglio rimanere sui 10 minuti di salto e, caso mai, concentrarsi su altro?
Ad esempio camminate veloci?
Ho letto che alcuni fisioterapisti sconsigliano questa attività fisica per troppo tempo (non oltre i 10 minuti di saltelli).
Io credevo che facesse bene (come la corsa).
Oltre alla corda sto facendo degli esercizi a corpo libero a basso impatto sulle articolazioni (cioè senza saltelli) per 2 volte a settimane.
Sono un mix di esercizi che vanno dagli addominali, piegamenti sulle braccia, squat, affondi e sollevamento del bacino da terra.
Scusate il disturbo.
Vorrei un vostro parere.

Buon lavoro e grazie per ciò che fare in questo periodo di coronavirus.

[#1]  
Dr. Fabio Guerrini

20% attività
12% attualità
0% socialità
CORSICO (MI)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2010
Io mi limiterei a 10 minuti, max 15 e, come anche scrive Lei, mi concentrerei su altro da integrare al salto della corda. Non è solo questione di poter sollecitare troppo alcuni gruppi muscolari e relative articolazioni, è anche utile variare il tipo di attività alternando e integrando in modo da utilizzare di più altri distretti muscolari, abituarsi a esercizi diversi con diverso impegno metabolico. Semmai consideri di continuare il salto della corda come ora abbinandolo o alternandolo di volta in volta a una gamma di altre attività ( la camminata veloce, esercizi a corpo libero, pesi non esagerati, ecc.). Anche per evitare di annoiarsi e focalizzare troppo su un unico esercizio.
Dr. fabio guerrini

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio Dott. Guerrini. Seguirò i suoi consigli. Grazie ancora.