Utente
Buongiorno Dottori,
È da circa un mese che in svariati momenti della giornata (quando mi sveglio la mattina, dopo pranzo o alla sera) mi compare questa febbriciattola che non supera mai i 37. 5.
Il mese scorso sono andata dal mio medico che mi ha prescritto un antibiotico sospettano uno strascico di bronchite.
Ho fatto l'antibiotico ma non è cambiato nulla.
Ho quindi rivisto il medico che, dopo avermi sentito i polmoni, visto la gola e misurato la saturazione emoglobinica ha decretato che era tutto perfetto.
Mi ha prescritto allora il Bentelan (non ho capito perché) e analisi del sangue, della tiroide e analisi per mononucleosi e citomegalo virus.


Premetto che nelle mie analisi del sangue è qualche anno che ho sempre i valori degli eosinofili alti, che il mio medico ha imputato ad una probabile allergia ma non si è mai capito a cosa.

Ho avuto già la mononucleosi una decina di anni fa che mi fu curata male e che mi portò ad avere una febbricina per un anno circa e linfonodi perennemente ingrossati.

Due anni fa ho avuto inoltre problemi alla tiroide: Tsh sballato, ingrassai otto kg in tre mesi e avevo il collo gonfissimo. L'endocrinologa disse che si trattava di tiroidite isolata e infatti sei mesi dopo, le analisi tornarono a posto.


Adesso sto aspettando il risultato delle analisi ma mi piacerebbe avere anche un vostro parere su i comportamenti misteriosi del mio corpo. Mi sento sempre molto stanca e ho un linfonodo sotto la mandibola sempre gonfio e questa febbre intermittente non ne vuole sapere di passare.

Ringrazio in anticipo tutti e porgo un cordiale saluto

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Credo, sulla base della descrizione da lei fatta in questa sede, che la sintomatologia possa derivare da una nuova forma di mononucleosi. Comunque sia, per scrupolo, esegua un tampone faringeo per la ricerca di germi patogeni con antibiogramma. In base a cio' che emergerà dall'esame, vedremo di fare il punto della situazione. Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore, ho fatto il tampone faringeo come da lei consigliato ed è risultato negativo. Il mio medico mi ha detto di eseguire una radiografia toracica che però - visto il momento di emergenza coronavirus - farò in seguito.
Lei cosa ne pensa? Dovrei fare anche altri esami?

P. S. Tutte le donne della mia famiglia (nonna e mamma) soffrono di fibromialgia. Secondo lei potrebbe essere quella la causa?

Un cordiale saluto

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Penso di poter escludere una forma di fibromialgia er quanto riguarda la sintomatologia in questione. Vista la rispostane negativa del tampone, rimane da capire se abbia contratto nuovamente il virus della mononucleosi.
Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Buonasera Dottore, ho fatto la radiografia toracica e mi è stata diagnosticata una polmonite. Il referto dice: sfumato aspetto addensato del parenchima polmonare in sede basale dx da correlare con la clinica e da monitorare. Ombra cardiaca nei limiti. Prominenza ilare bilaterale specie a sx con ispessimento delle cuffie peribronchiali a sede ilo-perilare bilateralmente.
Mi è stata prescritta levofloxacina (500 +250) una volta al giorno per cinque giorni.
Lei cosa ne pensa?
A questo punto, visto il periodo, mi chiedo se dovrei effettuare un tampone per il COVID o se le cose non sono correlate.
E per mia semplice curiosità, come è possibile che in tutto questo tempo io abbia avuto una vita parecchio frenetica (prima della quarantena facevo molta attività fisica) senza accorgermi della polmonite?
Mi scusi per le troppe domande ma ho parecchia ansia.
Grazie mille per la disponibilità

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Si, a questo punto sarebbe utile eseguire il tampone. Consiglio di chiamare il numero regionale per le informazioni in merito, oltre che il suo Medico di famiglia. Comprendo benissimo la sua preoccupazione: cerchiamo di essere ottimisti.
Dr. Raffaello Brunori