Utente
Buonasera gentilissimi dottori scrivo per avere un vostro consulto riguardo un segno che ho visto sul collo di mia suocera 72 anni fumatrice nel 2011 avuto eschemia celebrale... Ha un gonfiore abbastanza grosso per rendere l idea come una albicocca duro al tatto non dolente se non alla palpazione profonda non ha avuto mal di gola influenze ascessi dentali o simili.
Condizioni generali buone.
Non febbre.

Racconta di aver fatto all incirca un mese fa un movimento brusco del collo ed aver sentito parecchio dolore non ricorda però se il gonfiore è iniziato in concomitanza con quel episodio, non ha rossore né bruciore, sto facendo il possibile per convincerla ad andare dal medico ma vuole aspettare dopo le feste, ha paura di un esito brutto.

Secondo voi cosa potrebbe essere?
"
Porgo distinti saluti

[#1]  
Dr. Claudio Bosoni

24% attività
20% attualità
12% socialità
PIACENZA (PC)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2020
Il fatto che uno o più linfonodi, siano cosi grandi, ben palpabili, di consistenza dura e non dolenti, (soprattutto non dolenti), mi fanno pensare non a una reazione infiammatoria (sarebbero molto dolenti), ma ad una metastasi tumorale, più probabilmente di origine polmonare. Considerando che fuma. Oppure da faringe, laringe o da altri organi più lontani. Il fatto è che sicuramente, da qualsiasi organo abbia origine, è un carcinoma. Le farei fare una ecografia dei linfonodi del collo, e se l'esito fosse positivo, la farei vedere in ospedale da un un oncologo. Mi faccia sapere.
Dr. Claudio Bosoni

[#2] dopo  
Utente
Grazie dottore per la Sua risposta purtroppo e ciò che piu ci Spaventa
La terrò aggiornata
Grazie

[#3] dopo  
Utente
Buon giorno dottore mi scusi ho ancora Una cosa da chiederle
Ma se fosse come lei dubita una metastasi è possibile che lei non abbia nessun altro sintomo? Il linfonodo gonfio è solo quello non ha tosse né perdita di appetito nulla...
Grazie
. Saluti.

[#4]  
Dr. Claudio Bosoni

24% attività
20% attualità
12% socialità
PIACENZA (PC)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2020
Spesso ci si ritrova con una metastasi, prima che compaia il tumore primitivo. E poi non è detto che siano solo i polmoni in causa, potrebbe essere qualsiasi altro organo, che non dà ancora sintomi o un Linfoma. Segua il mio consiglio precedente. saluti
Dr. Claudio Bosoni

[#5] dopo  
Utente
Va bene grazie dottore

[#6] dopo  
Utente
Buonasera dottore mia suocera è stata oggi dal medico il linfonodo e presente ed è mobile l ha mandata a fare un ecografia urgente..

[#7]  
Dr. Claudio Bosoni

24% attività
20% attualità
12% socialità
PIACENZA (PC)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2020
Come dicevamo.
Dr. Claudio Bosoni

[#8] dopo  
Utente
Buonasera dottore le scrivo l esito dell ecografia
SE può mi aiuterebbe a capire in parole semplici il significato
Grazie. Ecografia per linfonodo al collo. L esame ecografico mirato alla tumefazione clinicamente obbiettivabile in regione sotto mandibolare destra documenta a tale livello una grossolana e dismogenea Formazione nodulare di 50x27 mm caratterizzata da alcuni segnali vascolari nel contesto al controllo con color doppler indissociabile dal margine caudale posteriore della ghiandola salivare sotto mandibolare di tale lato. Concomitano alcuni linfonodi con corticale ipercogena ispessita con morfologia ovolare sia tondeggianti fino a circa un cm massimo a livello angolo mandibolare di tale lato. I reperti sono di sospetta natura evolutiva e necessitano di correlazione con i dati di laboratorio e di verifica bioptica quanto meno della formazione nodulare di maggiori dimensioni su descritta. Non si documentano altre adenopatie sospette. Quale reperto occasionale si segnala la presenza di una piccola formazione nodulare solida ed ipocogena di 8 mm a 3 medio del lobo tiroideo di destra con tiroide di dimensioni sostanzialmente conservate

[#9]  
Dr. Claudio Bosoni

24% attività
20% attualità
12% socialità
PIACENZA (PC)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2020
Dall' ecografia e dal ecocolordoppler, risulta che quel linfonodo è molto grande, a struttura interna completamente deformata ed è talmente infiltrato nella ghiandola salivare sottomandibolare, da non riuscire nemmeno a staccarla. Non c'è altro. E' quasi sicuramente una neoplasia a partenza da ghiandola salivare sottomandibolare e ad essa adesa. Le consiglio di sentire un buon chirurgo per fare l' agoaspirato del linfonodo o meglio ancora la asportazione per l'esame istologico.
Dr. Claudio Bosoni