Utente
salve,circa un mese fa, giocando a basket, ho avuto un infortunio nell' articolazione che congiunge la falange prossimale alla falange media del dito medio della mano destra, la falange media si è girata verso l'anulare. Sono andato subito al pronto soccorso e dalla lastra risultava che un frammento di osso si era staccato. Mi hanno subito messo la stecca senza manipolare il dito e mi hanno detto ti togliermi la stecca da solo dopo 20 giorni e di fare fisioterapia stringendo una pallina di spugna. Io l'ho fatto. Dall' infortunio, sono passati circa 45 giorni e riesco a piegare il dito solo di 45 gradi oltre non sento un dolore acuto solo un leggero fastidio come se piegassi una articolazione nel senso opposto. L'articolazione è gonfia, non morbida come all' inizio ma dura come se questa parte del dito si fosse ingrandita. Adesso sono in Irlanda per lavoro è vorrei avere un consiglio. Sè possibile degli esercizi per sbloccare il dito.
Grazie della cortese attenzione

[#1]  
Dr. Luigi Di Lorenzo

24% attività
8% attualità
12% socialità
BENEVENTO (BN)
PIEDIMONTE MATESE (CE)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Salve,
per darle un giudizio attendibile al 100% sarebbe necessario vedere la rx.
Se il frammento era unico e piccino, extra articolare ( cioè lontano dai due estremi delle falangi che si articolano tra loro) continui la mobilizzazione cauta. Se il frammento era comminuto ( più pezzettini) o tra i 2 capi articolari, faccia innanzitutto una rx di controllo per verificarne il consolidamento osseo. Se tutto ok faccia tranquillamete fisio in maniera cauta ma energica. meglio sarebbe se la facesse con un terapista.
Luigi Di Lorenzo
www.luigidilorenzo.it

[#2]  
Dr. Alberto Giattini

24% attività
0% attualità
0% socialità
ASCOLI PICENO (AP)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2005
In effetti bisogna capire se quel frammento osseo che si è distaccato sta complicando un pò le cose. Bisogna capire se ad esempio si è distaccato perché attaccato ad un legamento che stabilizza l'articolazione interfalangea(distacco parcellare) o se è l'esito di una frattura che ha prodotto uno o più frammenti che potrebbero limitare l'escursione articolare. In caso di persistenza della sintomatologia e dei frammenti ossei (da controllare con un esame Rx come opportunamente già suggerito)consiglio di far vedere l'esame Rx ad un ortopedico esperto in chirurgia della mano. Nel frattempo condivido la prosecuzione della FKT associando tecniche che favoriscano la riduzione dell'edema (gonfiore), es. impacchi caldo-freddo, lieve massaggio, ecc. da effettuarsi con una persona esperta. Consideri che anche l'edema limita l'articolarità e determina dolore.
Cordiali saluti
Dr Alberto Giattini
Fisiatra

[#3] dopo  
Utente
Gentili Dr. L. Di Lorenzo e Dr. A. Giattini,

vi ringrazio molto per la vostra sollecita risposta.Il frammento nella prima lastra risultava unico, comunque
io torno in Italia il prossimo mese e la prima cosa che faro' sara' questa lastra. Per adesso continuo questa fisioterapia.
Se potete consigliarmi degli esercizi che posso fare nel mentre ne sarei entusiasta.
Ringrazio ancora.
Cordiali Saluti

[#4]  
Dr. Giuseppe Ridulfo

20% attività
0% attualità
0% socialità
ZEVIO (VR)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2008
Dalla modalità dell'infortunio sembrerebbe distaccato un frammento dell'inserzione ossea del legamento collaterale. Condivido quanto detto dai colleghi, in più penso che spesso questi infortuni provocano o una evoluzione verso l'artrosi o verso l'instabilità articolare. (Più freq. la 1°). Continui la mobilizzazione senza accanirsi troppo.
Giuseppe Ridulfo

[#5]  
Dr. Roberto Sergi

32% attività
8% attualità
12% socialità
PIETRA LIGURE (SV)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2007
concordo con i colleghi.
Se non è possibile fare la Rx di controllo a breve termine, farei una cauta FKT.
Comunque anche la prima Rx potrebbe dare qualche indicazione: cautela soprattutto se i frammenti ossei sono intra-atrticolari! sforzando l'articolazione non si avrebbe comunque un aumento dell'articolarità ma solamente dolore e aumento dell'edema.
Se non si ha a disposizione un terapiasta, il trattamento classico di manipolare una spugna in una vaschetta tiepida (non calda, non fredda!) con tanto sale (x togliere l'edema) è sempre valido.
dott. Roberto Sergi

[#6] dopo  
Utente
Gentili Dr. Giuseppe Ridulfo e Dr. Roberto Sergi,

vi ringrazio molto per la vostra sollecita risposta.
Cordiali Saluti