Utente
Egregio Dottore, sono una donna di 43 anni, di professione impiegata e di conseguenza passo molte ore seduta al computer. Da 8 mesi soffro di violente crisi vertiginose che si presentano all'improvviso, con intervalli di 12-15 giorni, durata di 2-5 minuti e sono accompagnate: spesso da mal di testa e da nausea, a volte da sudorazione; l'ultima, in ordine di tempo, da vomito. Durante la crisi la vista è annebbiata, l'equilibrio inesistente ed ho la sensazione di essere dentro a una centrifuga. Tra un episodio e l'altro soffro molto spesso di emicrania, con sensazione simile ad una morsa nella parte posteriore della testa, e irrigidimento del collo, che mi fa un pò andare in stato confusionale,con difficoltà di concentrazione e senso di sbandamento nel cammino. Sono stata visitata da medici del pronto soccorso, da un neurologo, che a sua volta mi ha inviata dall'otorino. Nessuna anomalia è stata riscontrata. Mi sono sottoposta a: RM cerebrale e cervicale con esito: "Piccola protrusione posteriore mediana del disco C5-C6 e lieve debordanza posteriore del disco C6-C7", il resto nella norma. Ecodoppler tronchi epiaortici: regolare.
Radiografia della colonna cervicale: "Rettificata la lordosi lombare. Alterazioni artrosiche con osteofiti anteriori e posteriori da C5 a C7. Il corpo di C6 appare anteriorizzato rispetto a quello di C5; lo spazio discale ivi compreso appare ridotto."
Ho effettuato 10 sedute di fisioterapia e 6 sedute di agopuntura con 3 mesoterapie alle colonne cervicali, ricevendone molto sollievo per l'emicrania. Ho assunto 2 compresse al giorno di Alevertan in maggio, per circa una settimana, ma l'ho sospeso perchè mi dava troppa agitazione, irrigidimento e intensificava le vertigini. Da giugno prendo ogni sera 7 gocce di Citalopram e 3-4 gocce di En al bisogno. Le vertigini continuano a presentarsi e il medico di base a questo punto sospetta che il disturbo sia psicosomatico. E' vero che alcuni mesi prima dell'inizio del disturbo ho sofferto molto per la scomparsa di mia madre e in genere sono molto ansiosa. La informo anche che da molti anni convivo con gastrite e calcoli alla colecisti. Assumo 1 capsula al giorno di Colestatin per ridurre il colesterolo altrimenti geneticamente?)troppo alto. Un mese prima dell'inizio del disturbo avevo eseguito un controllo generale al sangue e tutti valori erano nella norma, anche l'elettrocardiogramma regolare. Le sarei molto grata se mi desse un Suo parere a riguardo e un consiglio su come procedere, dal momento che per il mio medico di base non c'è altro da fare, ma io vorrei risolvere questo problema che per me è invalidante. Non voglio arrendermi a convivere con questo disturbo che mi assale all'improvviso in qualsiasi luogo (da seduta, da sdraiata, in piedi, camminando, una volta anche guidando) e in qualsiasi momento della giornata. La ringrazio per l'attenzione.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Desidero sapere se l'Otorino l'abbia sottoposta ad un esame audio-vestibolare. Poi, le consiglio di rivolgersi presso un Centro Nazionale Cefalee di un Policlinico Universitario come quello di Verona, per esempio, perchè credo che il tutto scaturisca da una emicrania. Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore, innanzi tutto la ringrazio di cuore per essersi interessato al mio problema. Le riporto la diagnosi dell'Otorino: "Non scompenso vestibolare periferico in atto. In particolare Ny spont. assente, Romberg e Romberg sensibilizzato indifferenti, non deviazioni toniche muscolari." (Spero di aver interpretato la calligrafia del medico in modo corretto).
Mi scusi se approfitto ancora della sua disponibilità, vorrei chiederle in quale misura ritiene che l'artrosi e l'ernia cervicali incidano sul mio disturbo o perlomeno sulle emicranie di cui soffro. L'otorino mi aveva consigliato di fare della ginnastica dolce mirata a rilassare collo e spalle, anche Lei la ritiene opportuna? La informo anche che un episodio vertiginoso compare sempre nei giorni del ciclo mestruale e quei giorni sono diventati davvero molto critici da quando soffro di questo disturbo. Ho assunto delle compresse di DonnaMag durante l'ultimo ciclo ma non ho avuto benefici. Le confesso che sono molto restìa ad assumere i farmaci che il mio medico mi prescrive perchè, conoscendomi, so che devo sempre fare i conti con gli effetti collaterali. Mi ha prescritto capsule di Migrasoll per tutti i giorni e compresse di Difmetrè all'insorgere dell'emicrania. Quest'ultima l'ho presa una volta ma non ho avuto alcun beneficio. Cosa ne pensa Lei dottore? Grazie ancora, cordiali saluti.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Da cio' che riferisce, sono convionto che la patogia di cui soffre sia una vertigine causata da una emicrania. Puo' ben capire che non sono in grado di avvalorare alcuna teoria o terapia in assenza di un esame clinico ed anamnestico. Resta, pero', sempre valido il consiglio di rivolgersi ad un Centro Universitario per lo studio della Cefalea, Clinica Neurologica.
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Grazie ancora dottore, seguirò il suo consiglio. Buon lavoro e buona giornata.