Utente
Ill.mi Dottori,
sono una 33enne e da un anno soffro di dolori ascellari da entrambi i lati, focalizzati alla parte dx accompagnati inizialmente da uno sgradevolissimo odore acre. Il medico di base non rilevando ingrossamenti dei linfonodi mi ha prescritto una pomata a base di cortisone ed antibiotico con sospensione di utilizzo di deodoranti e di saponi aggressivi. Al principio pensavo fosse legato ad un fattore ormonale: soffro del Morbo di Basedow e sono in cura con tapazole da 1 anno e 1/2.(Gli anticorpi sono tuttora superiori a 1.000) ma l'endocrinologo ha escluso ogni correlazione. Oltretutto dopo numerose terapie (effettuate nel periodo precedente alla comparsa di questi sintomi) con utilizzo di olii (massaggi a causa di un colpo di frusta)ho notato foruncoli e prurito su tutta la schiena (sono un soggetto allergico). Gli esami di routine non presentano anomalie. Nel novembre scorso il dolore si è accentuato al punto di richiedere un consulto urgente ginecologico con visita (ascella sinistra dolorante il seno sinistro dolorante e turgido). Mi è stata diagnosticata una linfagite e curata con antibiotico. La cute non si è mai arrossata. Linfonodi nella norma e mai febbre. Ora sto meglio, ma continuo ad accusare sporadici dolori sia a dx che sx. Se ha rilevanza a volte accuso fitte all'addome quadrante sinistro (milza-pancreas) ma da una ecografia di fine 2006 non hanno rilevato alcunchè solo un lieve ingrossamento del fegato. Per essere più tranquilla (sono tre anni che continuo ad avere problemi: intervento di colecistectomia nel 2004, morbo di basedow, bronchiti asmatiche, ora dolori acuti alla schiena e coccige...) devo effettuare qualche esame di controllo particolare e posso escludere eventuali linfomi? Vi ringrazio tanto.

[#1]  
Dr. Giovanni Testa

20% attività
0% attualità
0% socialità
()

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2004
Gentile utente,
per ora l'unico consiglio che le posso dare è di farsi prescrivere dal suo medico curante un'ecografia mammaria bilaterale. Cordiali Saluti

[#2]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
la sua richiesta di consulto mi ha fatto pensare ad UNA TEMPESTA ...IN UN BICCHIERE D'ACQUA !!!
Semplifico il problema :
la sintomatologia che accusa a livello mammario non è preoccupante in senso oncologico e lo specialista consultato d'urgenza, dopo l'esecuzione di una ecografia mammaria, avrebbe dovuto semplicemente spiegarLe in maniera esauriente e persuasiva che il DOLORE RAPPRESENTA L'ESAGERAZIONE DI UN NORMALE PROCESSO FISIOLOGICO CHE NON è DI NATURA NEOPLASTICA.
Sono convinto inoltre che l'irradiazione del suo dolore abbia una origine EXTRAMAMMARIA e pertanto indagherei sugli esiti del COLPO DI FRUSTA , cui Lei fa cenno e sul quale nessuno ha rivolto l'attenzione.
Completi con una visita ortopedica piuttosto che consultare d'urgenza il ginecologo (!).
Cordiali saluti
Salvo Catania
www.senosalvo.com
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com