Utente 308XXX
gentili dottori
vorrei esporvi il mio problema:dalle ultime analisi e' risultato il colesterolo totale a 290. i trigliceridi a 390 la glicemia a 200. sono alto 1,68 e peso all'incirca 75-76 kg. non faccio molta attivita' fisica e mangio in modo disordinato a causa del lavoro che mi porta sempre in viaggio fuori casa.il mio dottore mi ha prescritto le medicine rextat 20 mg in compresse per 3 mesi e mi ha detto di ripetere le analisi dopo questo tempo. mi nha messo a dieta con insalata verdure pollo e pesce..
grazie per ogni consiglio che mi verra' dato.
cordialmente cristian

[#1]  
22440

Cancellato nel 2008
Dislipidemia mista (colesterolo+trigliceridi elevati), diabete, obesità, sedentarietà, disordine alimentare! Non credo che il rextat da solo possa risolvere i suoi problemi. Innanzitutto deve cambiare radicalemente il suo stile di vita andando a modificare il modificabile: sedentarietà, obesità ed alimentazione... si rivolga, per questo, ad un centro che si occupi di obesità od un bravo nutrizionista. Il diabete e la dislipidemia possono giovarsi di tutto questo e prima di assumere farmaci verificherei dopo tre mesi i vantaggi così ottenuti. Se questo non bastasse i farmaci saranno fondamentali ed inevitabili.
Ritornando allo stile di vita si ricordi però che non dovrà modificare la sua vita per un periodo ma dovrà decidere di dare una svolta DEFINITIVA altrimenti sarà tutto inutile. Auguri

[#2] dopo  
Utente 308XXX

Grazie infinite Dott. Pecoraro
spero di farcela...
Cordialmente Cristian

[#3]  
26175

Cancellato nel 2014
Le compresse che le ha prescritto il suo medico vanno bene . E'necessario però che perda dieci kg di peso e svolga una regolare attività fisica quotidiana ( un bravo nutrizionista potrebbe aiutarla ).
Controlli anche i valori seguenti :microalbuminuria , uricemia ,azotemia , creatininemia , colesterolo HDL ,sodio ,potassio ,emocromo ,sideremia ,TSH .
Ci riferisca circa la sua pressione arteriosa .

[#4]  
Dr. Gabriele De Masi De Luca

24% attività
0% attualità
0% socialità
MAGLIE (LE)
TRICASE (LE)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
Gentile utente

dai dati da lei forniti si evince che sicuramente il suo metabolismo lipidico e glucidico non sono ben controllati e che e' in sovrappeso ("non Obeso"; un BMI di 27, ovvero indice di massa coprporea che si calcola dal la formula PESO / altezza al quadrato, e' inquadrabile nella fascia sovrappeso).
La dislipidemia mista, associata a diabete (un valore di glicemia a digiuno di 200 e' fortemente indicativo di malattia diabetica, basti pensare che la diagnosi di diabete mellito si basa sul riscontro di due livelli di glicemia a digiuno maggiori o uguali a 126 mg per dL) fa spesso parte di un quadro dove è presente anche il sovrappeso e l’ipertensione e che viene chiamata sindrome plurimetabolica.
Considerando che ha solo 34 anni ed ha gia' un disturbo del metabolismo lipidico e glucidico, devono essere mese in atto una serie di modificazioni dello stile di vita ed un impostazione di un trattamento farmacologico adeguato che frenino questa evoluzione della sindrome metabolica, ... sindrome che racchiude i piu' importanti fattori di rischio per malattia cerebrocardiovascolare.
Riguardo il metabolismo lipidico, in un paziente diabetico deve essere mantenuto un livello di colesterolo LDL (colesterolo cattivo) al di sotto dei 90 mg/dl (non viene piu' considerato il colesterolo tot come parametro che quantifica il grado di compromissione del metabolismo lipidico) e colesterolo HDL (ovvero colesterolo buono) che deve superare i 50 mg/dl.

Alla luce di tutto cio' ...esegua un moderato sforzo fisico, preferendo quello aerobico (lunghe camminate, jogging a passo lento, cyclette...); ... segua le raccomandazioni dietetiche fornite dal suo medico, ....esegua un controllo clinico endocrinologico (o internistico),per poter inquadrare meglio il disturbo del metabolismo glucidico ed eventualmente impostare un trattamento farmacologico (magari esibendo uno screening laboratoristico piu' approfondito LDL, HDL, microalbuminuria, Emoglobina glicosilata, Peptide C, PCR, creatininemia, azotemia, omocisteinemia), ...monitorizzi la pressione arteriosa.

Cordiali saluti

Dr Gabriele De Masi De Luca
Gabriele De Masi De Luca