Utente 658XXX
Buon giorno, ripropongo il mio problema, vi prego rispondetemi!!!
in seguito ad un ecocardiogramma di controllo x piccolo soffio al cuore 2/6 MIO PADRE è CARDIOPATICO), mi è stata diagnosticata una lieve insufficienza della valvola tricuspide e della valvola mitralica con pap indiretta di 25 mm hg. Elettrocardiogramma ed altri valori morfologici ok. Anni fa con lo stesso esame mi venne riscontrata solo una minima insufficienza della tricuspide....quindi la cosa ha subito una evoluzione......
Ho 35 anni, sono una donna.... mi è stata consigliata la profilassi x l'endocardite.....Vorrei solo sapere se la cosa può ancora peggiorare e come devo comportarmi. Ci sono pericoli per una eventuale gravidanza? Mi devo preoccupare?
Non avverto particolari sintomi se non un piccolo dolore alla parte sx del petto (x dare l'idea come un dolorino muscolare di scarsa entità...)
Grazie in anticipo e complimenti per il sito
Giulia

[#1]  
Dr. Agnesina Pozzi

52% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
le consiglio di postare il suo quesito nella sezione di cardiologia per avere risposte più adeguate. Intanto se le valvulopatie non sono emodinamicamente rilevanti e tutti gli altri parametri ecografici, nonché l'ECG sono normali, non c'è da avere paura, a mio parere. Basta solo fare controlli periodici. Va detto che in gravidanza aumenta la massa circolante ed anche la gittata cardiaca e quindi possono di per sè manifestarsi soffi anche con valvole del tutto normali. Nessuna sorpresa se in gravidanza l'entità del soffio dovesse aumentare, allarmando magari il medico ostetrico che la seguità. Si ricordi di fare presente le piccole insufficienza valvolari. Con il valore che lei cita di PAP indiretta 25mmhg certo è una situazione definibile di attenzione o anche "allarme" da monitorare (senza tenere conto che una reale valutazione si fa con cateterismo cardiaco, ma la metodica è invasiva e non c'è indicazione a farla per lei). Parliamo di ipertensione emodinamicamente rilevante a valori bel più alti.

Comunque, chieda un parere ai cardiologi che se ne intendono di più.

Auguri e cordiali saluti
Agnesina Pozzi