Attivo dal 2009 al 2019
Salve,
circa un mese fa ho avuto un po' di sintomi influenzali, con febbre neanche a 38 per 3-4gg, e poi insorgenza di una fastidiosa tosse, prima secca e poi un po' più grassa.
Il medico di base mi ha prescritto un antibiotico blando (cefixima) e uno sciroppo mucolitico per tosse. Ho fatto anche aerosol (fluibron + prontinal). Il prontinal è stato poi eliminato a causa del fatto che per circa una settimana mi è stata trovata una pressione arteriosa un po' alta (dai 140/80 ai 160/90). Ho trent'anni e sono maschio.

Dall'insorgenza la tosse non è mai passata. Ho fatto esami del sangue (ves ok) e rx torace. Quest'ultimo ha evidenziato un accentuata modificazione della trama ilo-basale come per stato bronchitico. Ho effettuato anche ecografie vescico-renale/tiroide per indagare la pressione, ma tutto risulta nella norma.
Il medico letto il referto dell'rx torace mi ha prescritto 7-8 gg di Trissil - Levofloxacina emidrato, che sto prendendo.
La tosse non accenna a diminuire. Inoltre permane questo stato di calore/affaticamento come da febbriciattola. La temperatura però non supera i 37 gradi (di norma ho 36.7-36.8). Al mattino mi sveglio con naso otturato e durante il giorno ho un latente stato di congestione. Ho il setto nasale un po' deviato.
Vorrei sapere se è possibile che questi strascichi cosi lunghi siano nella norma, oppure se è necessario fare qualche ulteriore indagine (virus oppure qualche tipo di esame allergologico) per accelerare la guarigione, che mi sta creando diversi disagi soprattutto in ambiente lavorativo.
grazie

[#1]  
Dr. Paolo Marangoni

24% attività
8% attualità
16% socialità
SAN MARTINO DI LUPARI (PD)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
quest'anno il virus influenzale e' estemamente aggressivo e con ricadute , se non passa ancora la congestione nasale meglio approfondire per vedere non sia una sinusite , tornando dal proprio medico.
paolo marangoni
medico di medicina generale