Utente
Buona sera da circa due anni sono in trattamento con blopress 16 mg una volta al giorno al mattino.
Dopo un holter pressorio che mi riscontrava un ipertensione di grado moderato con media di 140/95 avevo punte di 160/100.
Eseguo da un anno 4 autocateterismi al giorno in quanto ho scompenso del muscolo detrussore e urinavo con residuo vescicale di cl.30.
Inoltre inizialmente avevo una dilatazione marcata dei reni bilateralmente.
Ho un ingrossamento della prostata terzo lobo 13mm che mi aveva provocato il tutto.
Da quando eseguo i cateterismi ( 1 anno ) ho ridotto la dilatazione dei reni anzi direi che ora si parla di lieve dilatazione e la mia vita è migliorata in termini di qualità e svuotamento vescicale.
Concorde con l'urologo ho posticipato l'intervento disostruttivo pur eseguendo i cateterismi e i controlli del caso. poiché stiamo cercando insieme alla mia compagna di concepire un figlio.
Eseguo annualmente controllo di GFr con risultati ancora accettabili poiché i valori sono nella norma anche se avere negli anni trascurato il mio problema urinario mi ha portato ad una leggera ipofunzione del rene destro.
Ora da qualche settimana riscontro valori pressori al mattino 135/95 e al pomeriggio 125/90.
Il quesito è il seguente: Consigliate una modifica della mia terapia antipertensiva ? se sì con aumento del sartanico Blopress ? o con aggiunta di diuretico ( considerando la mia situazione urologica ). Oppure ritenete che con uno stile di vita migliore si possa abbassare la mia pressione minima ?.
Esegua anche eco cardio e elettrocardiogramma ( tutto nella norma )
Unica cosa fegato grasso riscontrato in occasione dell'ecografia renale.
Ho 45 anni alto 1,65 peso kg 72 ( sono sovrappeso ) mi concedo una o 2 birre nel week .

Grazie anticipatamente per il consulto

[#1]  
Attivo dal 2007 al 2020
Salve,
data la sua condizione non le conviene aggiungere un diuretico.
Se il sartano (Candesartan Cilexetil) a 16 mg non funziona potrebbe essere portato a 32mg/die.
Se dopo 20 gg la pressione non è a target (120/70 mmhg) va considerata l'aggiunta di un beta bloccante, tipo il nebivololo, o di un calcio antagonista come l'amlodipina.
Chiaramente deve parlare di queste possibilità con il suo curante o con un cardiologo.
Nulla può essere prescritto per via telematica.

Buona serata,
Dott. Caldarola.