Attivo dal 2017 al 2017
Salve a tutti, sono una ragazza di 24 anni. Nel mese di febbraio, per controllare lo stato di salute generale, ho fatto le analisi del sangue. I valori sono risultati tutti nella norma, emocromo ed esame urine compresi, ad eccezione della bilirubina e della sideremia:

SIDEREMIA 22 (valori di riferimento 37-147)

BILIRUBINA TOTALE 2,87 (valori di riferimento fino a 1,20)
BILIRUBINA DIRETTA 0,45 (valori di riferimento fino a 0,25)
BILIRUBINA INDIRETTA 2,42 (non ci sono valori di riferimento)

Ho rifatto le analisi l'8 maggio 2017, dopo cura con Ferrograd (prescritto dal medico curante) della durata di un mese e, mentre la sideremia è rientrata nella norma (85), la bilirubina risulta ancora alterata:

BILIRUBINA TOTALE 2,89 (valori di riferimento fino a 1,20)
BILIRUBINA DIRETTA 0,55 (valori di riferimento fino a 0,25)
BILIRUBINA INDIRETTA 2,34 (non ci sono valori di riferimento)

Essendo ipocondriaca ed ansiosa, ho contattato il medico curante, il quale mi ha detto di stare tranquilla poiché questa condizione in alcuni soggetti è congenita. Io però non sono riuscita a tranquillizzarmi, al ché lui mi ha detto che effettivamente le analisi possono considerarsi nel loro complesso normali. E che dovrei preoccuparmi solo quando la bilirubina è così "alta" da generare l'ittero. Ciò che vi chiedo è, nei limiti di consulto telematico che non equivale ad una diagnosi vera e propria, quale altro esame potrei fare per tranquillizzarmi ulteriormente? Un'ecografia addominale andrebbe bene?

[#1]  
Attivo dal 2007 al 2020
Gentile Signora,
lei pare affetta (limite telematico) da Sindrome di Gilbert: la sua bilirubina è infatti quasi tutta indiretta, cioè non prelevata dal fegato mentre circola nel sangue e questo per un difetto congenito.
Ciò si accompagna ad un aumento della bilirubinemia totale che come nel suo caso è tutta indiretta, e sovente ad un modesto e clinicamente insinificante aumento della bilirubina diretta.
La sindrome non è pericolosa, (ovviamente presumo che tutti gli altri esami ematochimici siano nella norma), si accentua con lo stress in tutte le sue forme e raramente determina una colorazione subitterica delle sclere o una colorazione itterica della cute (per valori di bilirubina indiretta assai più altri dei suoi).
Eviti il digiuno prolungato.
Una ecografia addominale può essere utile sicuramente per tranquillizzarla ulteriormente.
Tuttavia stia già serena.
Mi faccia sapere se vorrà.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.

[#2] dopo  
Attivo dal 2017 al 2017
Gentile Dottore,
La ringrazio immensamente per la sua risposta estremamente accurata. Una cosa ancora "fuori posto" c'è. Nelle analisi di febbraio non compare la ferritina, che invece ho controllato a maggio il cui valore è 10,90 (con valori di riferimento 14-148). Mi chiedevo il perché di questa incongruenza tra ferritina (bassa) e sideremia (nella norma, 85). Per quanto riguarda gli altri valori, sono nella norma. Quelli che più mi preoccupavano prima del prelievo erano i seguenti:

GLICEMIA 95 (valori di riferimento 70-110)
TRIGLICERIDI 45 (valori di riferimento 40-170)
COLESTEROLO 163 ( valore di riferimento <200)
GOT 10 (valore riferimento fino a 31)
GPT 8 (valore riferimento fino a 31)

Anche l'emocromo non presenta alcun tipo di alterazione, così come l'esame delle urine.
La ringrazio nuovamente per la disponibilità e, certo, la terrò aggiornato riguardo ulteriori sviluppi.

Un saluto cordialissimo.

[#3]  
Attivo dal 2007 al 2020
Gentile Signorina,
la sua sideremia è normale perchè l'organismo attinge finchè può dal ferro di deposito (appunto la Ferritina) finchè questa non sarà arrivata a livelli bassissimi.
In quel caso comincerà a manifestarsi la anemia da carenza di ferro e tutti i sintomi correlatio con l'anemia.
C'è da domandarsi perchè lei abbia una ferritina così bassa.
Introduce poco ferro con gli alimenti (per esempio è vegana?)
Ha dei flussi mestruali abbondanti e prolungati?
Ha uno stillicidio ematico dall'apparato digerente?
In altri termini non è tanto importante che attualmente la ferritina sia bassa ma che prima di iniziare l'integrazione con il Ferro si capisca da dove lei il ferro lo perda.
Che è molto più importante.
Di questo deve parlare con il suo curante.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.

[#4] dopo  
Attivo dal 2017 al 2017
Sì ne ho già parlato con il medico curante, il quale non vorrebbe farmi prendere nessun farmaco, ma integratori naturali. Accompagnati da alimentazione ricca in ferro (frutta, ma soprattutto carne rossa e verdure). Mi ha consigliato di ripetere le analisi tra qualche mese e se la ferritina risulta ancora bassa provvederà a farmi fare ulteriori esami per stabilire l'iter da seguire. Mi è sorto, però, il dubbio che la ferritina bassa sia dovuta al fatto che le analisi sono state fatte subito dopo il ciclo. Ho un flusso non proprio abbondante, ma prolungato (dura 7 giorni). Non ho avuto altro tipo di emorragie, né tracce di sangue occulto nelle feci.
In ogni caso, mi recherò di nuovo dal medico poiché mi sembra strano non voglia farmi prendere nulla per la ferritina bassa. Non vorrei peggiorare la situazione, trascurando il problema.

Grazie ancora.
Le auguro una buona serata.

[#5]  
Attivo dal 2007 al 2020
Di nulla!
Buona giornata,
Dott. Caldarola.