Utente
Buongiorno sono una ragazza di 17 anni. Da due giorni ho lo stomaco un po' sottosopra con acidità, crampi addominali, nausea cattiva digestione e mal di stomaco in punti non localizzabili. Da ieri sera è apparso un doloretto alla pancia in basso a destra, andando a dormire e sdraiandomi poi ho dormito tranquillamente ma stamattina come rialzata lo risento, piccolo ma fastidioso. Poi se tocco o spingo in quel punto sento anche un po dolore come se qualcosa fosse gonfio. Devo pensare ad un'infiammazione all'appendice? O un'infiammazione generale della pancia in seguito al reflusso?

[#1]  
Attivo dal 2007 al 2020
Salve.
Non è contemplata in clinica una infiammazione della pancia in seguito al reflusso.
Il suo addome va palpato attentamente da un medico, perchè la diagnosi di appendicite acuta rimane principalmente clinica.
Perciò la invito a recarsi dal suo curante.
Se vorrà mi faccia sapere.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.

[#2] dopo  
Utente
Salve ieri sono stata al pronto soccorso perché i dolori al fianco destro erano diventati insopportabili: le analisi del sangue tutto apposto, colon infiammato e intestino anche come conseguenza del ritrovamento di una ciste all'ovaio destro la cui fuoriuscita di liquido ha probabilmente infiammato gli organi. Ora mi seguirà una ginecologa ma nel frattempo, che continuo ad avere questa gastrite insopportabile con inappetenza nausea e acidità con dolori alla pancia come posso trattarla? Cosa può consigliarmi sull'alimentazione? Grazie in anticipo

[#3]  
Attivo dal 2007 al 2020
Salve,
" una ciste all'ovaio destro la cui fuoriuscita di liquido ha probabilmente infiammato gli organi."
Cioè lei in sostanza che cosa ha? Un'annessite, una periviscerite, una appendicite a localizzazione pelvica?
Trascriva per favore la diagnosi di dimissione perchè quello che lei ha scritto mi lascia perplesso.
Sulla dieta non sapendo che cosa abbia realmente non posso pronunciarmi: era dovere anzi DOVERE di chi l'ha visitata dirle che cosa avrebbbe dovuto evitare e cosa può mangiare.
La dieta in talune situazioni può provocare danni quanto una terapia farmacologica sbagliata: può essere le lei necessiti di stare digiuna per esempio o assumere solo liquidi.
Inoltre non ho parametri basilari per giudicare: l'emocromo, il Ca125, gli altri indici di infiammazione....
Non se la prenda cara signora, ma fare le cose alla "carlona" non è mia consuetudine nè realmente nè virtualmente.
Ciò non toglie che se avesse bisogno di me può tornare a scrivermi.
Saluti cari,
Dott. Caldarola.