Utente
Buongiorno,

sono un uomo 33enne, magro, dieta ricca di vegetali, bevo molta acqua.


A seguito di sintomatologia varia e generica (princiaplmente astenia, dolori articolazioni e nervi, problemi gastrintenstinali) ho eseguito esami di sague ed urine che hanno restituito due valori fuori norma.


Il medico curante imputa il potassio alto ad errore di laboratorio e valuta che sia inopportuna la ripetizione dell'esame.

Circa l'iperossaluria non si esprime, ed onestamente non è chiara la scala di misurazione (125 su microL?).



Urina colore___Opalescente
pH____5,5
SG____1,029
Proteine___10___mg/dl
Cristalli Calcio Ossalato Diidrato___125___/microL
Cristalli di Acido Urico___<4___/microL
Cilindri Jalini___<2___/microL
Cellule Epiteliali___<1___/microL
Flora Batterica___Alta
Muco___Assente

Potassio___5,5
Azotemia___29,7
Creatinina___0,87


La mia domanda è la seguente: vi è correlazione tra i due dati?
C'è una possibile implicazione a livello di funzionalità renale?
Merita approfondimento?
A posteriori, rammento che alcuni mesi fa ho patito, per alcuni giorni, al risveglio, fortissimi dolori sotto la cassa toracica/bassa schiena che si risolvevano dopo una mezz'ora, e che imputai a vertebre/fasce muscolari/nervi.


Grazie per la cortese risposta.

[#1]  
Dr. Giulio Malmusi

28% attività
20% attualità
16% socialità
MODENA (MO)
SPILAMBERTO (MO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2011
L'esame che lei ha eseguito non basta per dire che lei ha una iperossaluria; lei ha alcuni cristalli di ossalato e acido urico nell'urina del mattino, che è ben concentrata (SG 1029), quindi quando l'urina si raffredda le sostanze che contiene possono in parte precipitare in cristalli. Se vuole, può far dosare l'ossalato nelle urine raccolte per 24 ore, ma prima ancora le conviene semplicemente limitare l'assunzione dei cibi che contengono più ossalato (caffè, cacao, bietole, cavolfiore, pomodori..) e magari bere un po' di più durante la giornata e a sera; soprattutto in questa stagione, che è quella in cui più facilmente si formano i calcoli renali.. Ma ripeto: non siamo davanti ad anomalie, lo dico solo per prevenzione !
Dr. Giulio Malmusi

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Dott. Malmusi,

chiarissimo, grazie.

Mi sembra dunque di capire che lei non veda alcuna correlazione con l'alto valore di potassio, confermando implicitamente la teoria del valore sballato per non impeccabili pratiche laboratoriali.

Se si sentisse di rassicurarmi a riguardo, gliene sarei grato, e rinuncerei alla ripetizione dell'esame.

Ancora grazie.

[#3]  
Dr. Giulio Malmusi

28% attività
20% attualità
16% socialità
SPILAMBERTO (MO)
MODENA (MO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2011
Sì, il valore 5,5 del potassio è al limite alto del normale, ma con la sua funzione renale NORMALE (creatinina 0,87) la probabilità di una iperpotassiemia pericolosa è pressoché nulla. Poi, è vero che il valore del potassio può salire per vari motivi "preanalitici": prelievo indaginoso, lungo tempo intercorso fra prelievo e determinazione del dato... Per questo il quesito non mi era sembrato rilevante, e ritengo di poterla tranquillizzare.
Dr. Giulio Malmusi

[#4] dopo  
Utente
Perfetto, grazie!
Le auguro una buona serata.