Utente
ho 43 anni sono stato operato per un'ernia L5S1 due anni fa e da all'ora non ho piu problemi di schiena ma ho sempre dei dolori che scendono nelle gambe, come consigliato dai medici che mi seguono faccio ginnastica posturale piscina lunghe camminate veloci e periodicamente vado dall'osteopata ma i dolori non passano, mi sento dentro le gambe come delle scariche elettriche formicolio poi intenso calore e dolori atroci che mi avegliano alla notte, sono disperato cosa devo fare e dove o da chi devo andare??? grazie grazie grazie

[#1]  
Nessuno Le ha consigliato di fare una RM di controllo?

[#2] dopo  
Utente
HO FATTO SI UNA RM DI CONTROLLO CON IL SEGUENTE REFERTO: SEGNI DI DEGENERAZIONE FIBRO-VASCOLARE SEGNALATI PER LE LIMITANTI VERTEBRALI CONTRTAPPOSTE DI L5-S1 DICONO TUTTI NIENTE DI GRAVE MA IO SENTO TANTO DOLORE E NON SO COSA FARE!!! GRAZIE MILLE

[#3]  
Mi sembra un referto un pò <stringato>. Lo riporti per intero.
Grazie

[#4] dopo  
Utente
IN DATA 17/06/09 IL REFERTO ERA TUTTO LI!!! NE AVEVO FATTA UNA IN DATA 31/10/08 CON REFERTO: MODESTI SEGNI DI DISIDRATAZIONE DEL DISCO INTERVERTEBRALE L4-L5. IN TALE SEDE SI RILEVA BULGING MEDIANO E PARAMEDIANO DEL DISCO INTERVERTEBRALE CON IMPRONTA AD AMPIO RAGGIO SULL'ASTUCCIO DURALE. SI ASSOCIANO FATTI DEGENERATIVI A CARICO DELLE VERTEBRE CON RIDUZIONE DELL'AMPIEZZA DEI FORAMI DI CANIUGAZIONE BILATERALMENTE. RIDOTTA LA RAPPRESENTAZIONE DEL GRASSO EPIDURALE IN L4-L5. SEMPRE IN TALE SEDE SI RILEVANO MODESTI SEGNI DI DISIDRATAZIONE E DEGENERAZIONE GASSOSA DEL DISCO INTERVERTEBRALE.IN SEDE DI PASSAGGIO LOMBOSACRALE L5-S1 SI RILEVA ALTERAZIONE DI SEGNALE DELLE SUPERFICI CONTRAPPOSTE DEI COSPI VERTEBRALI DA DEGENERAZIONI FIBRO-VASCOLARI DELL'OSSO.RIDOTTO IN ALTEZZA LO SPAZIO DISCALE INTERSOMATICO CON SEGNI DI DISIDRATAZIONE E DEGENERAZIONE GASSOSA DEL DISCO INTERVERTEBRALE.SEMPRE IN L5 SACRO SI RILEVA IMPRONTA EXTRADURALE AD AMPIO RAGGIO MEDIANA E PARAMEDIANA DA PROTUSIONE DISCALE IN ASSOCIAZIONE A FATTI DEGENERATIVI A CARICO DELLE VERTEBRE. ENTRAMBI I REPARTI DETERMINANO UNA RIDOTTA RAPPRESENTAZIONE DEL GRASSO EPIDURALE ED UNA MODICA RIDUZIONE DELL'AMPIEZZA DEI FORAMI DI CONIUGAZIONE BILATERALMENTE. ESITI DI INTERVENTO DI EMILAMINECTOMIA DESTRA IN L5 SACRO CON FATTI ADERENZIALI POST-CHIRUSGICI CHE RIDUCONO LA RAPPRESENTAZIONE DEL GRASSO EPIDURALE DA QUESTO LATO. MODESTE DEFORMAZIONI SPONDILOARTROSICHE NEI RESTANTI METAMERI LOMBARI ESAMINATI. GRAZIE MILLE DELL'INTERESSAMENTO, GRAZIE GRAZIE GRAZIE.

[#5]  
Beh! La situazione della Sua colonna non sembra eccellente.
E' probabile che per tentare di venirne a capo può essere necessario un intervento, ma a distanza e senza quanto meno vedere le immagini di una RM recente, non posso confermarlo.
Cordialmente

[#6] dopo  
Utente
GIUSTAMENTE SENZA AVERE IN MANO LE IMMAGINI DI UNA RM RECENTE E' UN PO DIFFICILE DA GIUDICARMI MA A GROSSE LINEE DI CHE INTERVENTO CHIRURGICO SI POTREBBE FARE??? E CHE SIGNIFICA A DISTANZA??? GRAZIE E BUONA SERATA.

[#7]  
A distanza vuol dire che io sono a Milano e Lei a Ferrara per cui,oltre a vedere le immagini degli esami, per decidere un intervento, soprattutto un re-intervento, è necessaria la visita diretta.
Neanche a grosse linee posso dire che intervento potrebbe essere indicato, poichè le modalità e le tecniche dipendono da vari fattori clinici, non evidenziabili se io sono a Milano e Lei a Ferrara, ovvero a distanza.

Buona serata anche a Lei