Utente
Buonasera carissimi Dottori,
sono un ragazzo di 26 anni, libero professionista.
Sono circa 4 anni che soffro di cefalea. Durante i primi 3 anni, questa cefalea, andava e veniva ma MAI era presente per più di 2 giorni. In quest'ultimo anno le cose sono andate via via peggiorando:
Circa 1 mese fa mi sono dovuto recare c/o il pronto soccorso per una fitta fortissima avuta sul lato sx del cranio (circa 2 dita sopra la tempia).
REFERTO del p.s.: nevralgia!
Da quel giorno il mio mal di testa non è più andato via!!! Non ho un vero e proprio mal di testa ma ho come la sensazione di tensione a livello della fronte e tempie (tant'è vero a forza di muovere continuamente i muscoli della fronte per cercare sollievo da questa situazione "terribile", le persone che mi sono accanto pensano che mi siano venuti dei tic nervosi!!!), il tutto accompagnato da un senso di stordimento completo (vertigini, sonnolenza, stanchezza perenne, mancanza di concentrazione...).
Ho fatto altre visite dove mi hanno diagnosticato una "cefalea muscolo tensiva".
Circa 3 settimane fa, dietro consiglio del mio medico di base, sono andato a fare una risonanza magnetica dell'encefalo + tratto cervicale senza m.c. dalla quale è venuto fuori ciò che segue:

RM DELL'ENCEFALO (ESAME DIRETTO)
Area di alterato segnale con iniziali segni di espanso sul muso del terzo ventricolo si apprezza in regione frontale sinistra, con un diametro intorno al centimetro, che appare opportuno valutare anche con somministrazione di mdc.
Nella norma il restante parenchima encefalico.
Nella norma il sistema ventricolare e la fossa cranica posteriore, nella norma lo spazio liquorale peri-encefalico.

RM COLONNA CERVICALE (ESAME DIRETTO)
Rettilineizzato il rachide cervicale con minimi di segni di discopatia da disidratazione discale da C3-C4 a C5-C6.
Non sono presenti ernie discali, protrusione discale C4-C5 paramediana sinistra con relativa impronta sul sacco durale.
Nella norma il canale per ampiezza e il midollo cervicale per morfologia.

Alla luce di questi risultati mi è stata diagnosticata la presenza di una CISTI COLLOIDE nel III ventricolo c/o forami di Monro.

Ora sono in attesa della R.M. con m.d.c. (appuntamento preso per il giorno 24 c.m.).

Negli ultimi giorni il mio mal di testa è peggiorato, tanto che mi sembra di "essere su una giostra" per l'intera giornata.
Ho letto su internet che questo tipo di cisti potrebbe portare alla MORTE IMPROVVISA ed ecco qui il PROBLEMA.

non bastava il mal di testa... ora anche l'ansia...

POTRESTE DARMI CORTESEMENTE UN VOSTRO GIUDIZIO SU QUANTO DESCRITTOVI POC'ANZI???
si potrebbe trattare realmente di una cisti colloide? queste cisti sono realmente pericolose? cosa mi consigliate per alleviare questi disturbi???

Grazie di cuore.

S.

[#1]  
Dr. Vincenzo Della Corte

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Le cavità ventricolari sono descritte regolari, quindi non avrei questa paura di irreparabile danno imminente.
Certo che una valutazione neurochirurgica è indispensabile, come lo è il controllo seriato nel tempo oltre che una programmazione di asportazione della cisti che, di per sè, NON è una lesione maligna.
Auguri
Dr. Della Corte: vincenzodellacortemi@libero.it
Case di Cura: "La Madonnina Milano-02/58395555
"Villa Mafalda" ROMA-06/86094294