Utente
Salve

Ho 34 anni, faccio attività fisica regolarmente (pesi ed esercizi in palestra), per lavoro passo molto tempo in auto. Da tempo (anni) regolarmente avevo dei fastitdi a livello lombare, ma si risolvevano senza terapia dopo 3-4 gg. 5-6 settimane fa il dolore è aumentato ed è culminato 3 settimane fa con dolori fortissimi che mi hanno bloccato a letto. Terapia punture Bentelan 4mg per una settimana, poi Bentelan puntire 1,5mg e Mobic compresse 15mg, dopo 15gg giorni sono tornato a lavoro e ricominciato attività fisica leggera. Nel frattempo ho fatto 2 sedute di Tecar terapia, sinceramente senza grossi benefici, alla 3a seduta di Tecar (metodo McKenzie), non so se per l'aumento d'intensità o per l'inarcamento della schiena che mi hanno fatto fare, subito dopo il trattamento ho avuto una ricaduta, con riposo forzato per il dolore acuto. Altra terapia farmacologica con Deltacortene 25mg compresse e Mobic 15mg e riposo a letto, il dolore è diminuito. Di sicuro non tornero da loro, fare certe cose quando si ignora che tipo di problemi ci sono mi sembra veramente assurdo ....
Comunque dopo 2 giorni (giovedi 08/11) ho fatto una risonanza magnetica (con difficoltà per i dolori causati dalla posizione quasi distesa) che ha dato il seguente esito:
"Minima riduzione della fisiologica lordosi lombare. Non alterazioni morfostrutturali delle vertebre in esame.
Il disco intersomatico L5-S1 mostra fenomeni di disidratazione-degenerazione e voluminosa ernia paramediana destra che impronta antero-lateralmente il sacco durale e micgra verso il basso estendendosi al recesso omolaterale sottostante dove entra in contatto con la radice nervosa corrispondente. Minima protusione posteriore ad ampio raggio a livello L4-L5. Canale rachideo d'ampiezza nei limiti. Regolare il cono midollare.

Prima del blocco sentivo dolore lombare e al gluteo destro, con una diminuzione di sensibilità al piede destro lato esterno (formicolio) e del muscolo penoneo con lievi spasmi muscolari di gluteo destro e polpaccio.
Adesso gli unici sintomi rimasti sono lieve dolore lombare e soprattutto l'impossibilità a stare in posizione eretta e camminare per più di 1-2 minuti senza che il lato esterno della gamba inizi a far male (la sensazione è di bruciore muscolare), Inoltre ogni tanto ho notato che metto male il piede destro(rischio d'inciampare spostandolo lateralmente)
Allego alcune immagini RMN
http://i50.tinypic.com/154f38w.jpg
http://i46.tinypic.com/13z1iq1.jpg
http://i46.tinypic.com/2rhwdbs.jpg
http://i49.tinypic.com/2s9bwyd.jpg
http://i45.tinypic.com/ion3hu.jpg
http://i46.tinypic.com/dov1ok.jpg
Vorrei sapere quale terapia mi consigliate per ridurre l'ernia, Ho sentito che con ozono terapia molte volte si risolve, questo caso puo essere trattato o serve un'intervento più invasivo?
So che per via telematica non si può fare una diagnosi, spero comunque che possiate indicarmi una strada.

Ringrazio anticipatamente per la disponibilità.
Matt

[#1]  
Dr. Marco Mannino

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
0% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
CUNEO (CN)
TAGGIA (IM)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
CATANZARO (CZ)
MARINA DI GIOIOSA IONICA (RC)
PINEROLO (TO)
ALBA (CN)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Buongiorno, le immagini evidenziano più che un'ernia un vero e proprio prolasso discale, cioè un espulsione completa del disco intersomatico. Stante il poco spazio rimanente alle strutture nervose e la lunga storia clinica che caratterizza la sua malattia credo che l'intervento di discectomia microchirurgica sia la soluzione più adatta al caso.
Saluti cordiali
Dr. Marco Mannino
Neurochirurgo
http://www.studiomannino.com

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la risposta rapida ed precisa.
Contattero prima possibile un neurochirurgo nella mia zona

Saluti

[#3] dopo  
Utente
Salve, aggiorno la mia situazione. Mi ha visitato un neurochirurgo, che ha escluso per adesso l'intervento chirurgico, non ho più molto dolore, ma solo un fastidio alla gamba destra, e riesco a muovermi abbastanza bene. Nel frattempo ho ricominciato leggere attività fisica tipo stretching senza problemi.
Il neurochirurgo mi ha proposto di eseguire un Infiltrazione Periradicolare (sotto tac o rmn non ricordo) con cortisonici. Io per adesso avevo solo sentito parlare di infiltrazioni di Ossigeno-Ozono.
I cortisonici possono ridurre l'ernia? o servono solo per ridurre il dolore
Hanno controindicazioni?

Non si trovano molte informazioni in giro.

Grazie