Utente
Buonasera, premetto che per questo consulto sto utilizzando l’account di mia moglie. Sono un uomo di 48 anni, svolgo un lavoro abbastanza sedentario (molte ore seduto davanti al PC) e non pratico sport. Di seguito il mio problema. Da inizio Marzo, e per la prima volta in vita mia, ho iniziato ad accusare dei dolori molto forti originariamente zona lombare sinistra (circa 2gg) e poi rapidamente scesi a livello di gluteo/anca, coscia (parte anteriore) e gamba fino al collo del piede (parte anteriore) con un senso di torpore nella gamba zona tibiale e che in alcuni giorni si è esteso fino alle dita del piede. Dietro consulto medico mi è stato prescritto antidolorifico+antinfiammatorio (12gg di terapia non ha sortito effetti) oltre a pomate analgesiche. Nel frattempo mi è stata prescritta una R.M. Lombosacrale, effettuata il 29/3/14 con il seguente risultato:
“Esame eseguito mediante scansioni sagittali e assiali con tecniche TSE pesate in T1 e T2
Ridotta la fisiologia lordosi lombare
Modesta protrusione eccentrica destra del disco L3/L4
Protrusione focale postero-laterale sinistra del disco L4/L5
Conservato il calibro del canale vertebrale”
Nei giorni successivi il dolore sembra calmarsi notevolmente, tanto da camminare quasi bene, fino al 7/4/14. Il giorno successivo vado a visita medica specialistica, il dottore esclude problemi di ernie e mi rassicura dicendo di fare ulteriori terapie mediche (soliti antidolorifici, creme, antinfiammatori) e che terapie tipo ionoforesi, tens, etc. non sono necessarie. La mattina successiva a seguito di dolori lancinanti mi sono recato al pronto soccorso dove mi è stata praticata una flebo. Decido di contattare altro specialista (questa volta a Roma) che mi prescrive una Elettromiografia agli arti inferiori e successiva visita da Lui. Di seguito i risultati della EMG:
“Note: Dolore arto inferiore sinistro. Sospetta radicolopatia lombosacrale.
L’esame eseguito agli arti inferiori ha mostrato marcati segni di sofferenza neurogena acuta riferibile in prevalenza a livello della radice L4 sinistra. Abbondante attività di denervazione si registra nel muscolo tibiale anteriore sinistro, con riduzione spaziale del pattern di reclutamento volontario massimale (a tipo trazione povera).
Sporadici potenziali di denervazione si registrano anche nel muscolo vasto laterale di sinistra. Valori nei limiti della norma delle conduzioni sensitivo-motorie esaminate.”

e Diagnosi della visita
DIAGNOSI: Ernia discale intra-foraminale sinistra L4-L5 con impegno della radice L4 e abbondante attività di denervazione registrata all’ EMG.
TRATTAMENTO: Consigliato trattamento chirurgico.
In attesa di effettuare l’intervento si prescrive terapia medica:
Antinfiammatori e integratori alimentari, uno a base di Acido R-Tioctico e vitamine e uno a base vitamine del gruppo B1+B6+B12.
Mi è stato detto che l’intervento chirurgico è INEVITABILE e URGENTE.
Chiedo cortesemente un Vostro parere
Porgo i più cordiali saluti e auguri di Buona Pasqua

[#1]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
FRATTAMAGGIORE (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Quello che sarebbe utile conoscere, per darle un parere, è il quadro neurologico che è stato rilevato e che è verosimilmente rappresentato dall'espressione "impegno della radice L4". Presenta deficit di tipo motorio o sensitivo? Esiste un disturbo del trofismo muscolare? Si faccia chiarire questo fondamentale aspetto e darà un indizio necessario per poterle fornire il consulto che ci richiede. Cordialità
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno,
grazie per la risposta. Mi farò chiarire quanto indicato. Nel frattempo i dolori sono diminuiti (non so se per la terapia medica su descritta che sto facendo),
riesco a stare più dritto e camminare neglio.
Ho ripetuto la RMN (in altro ambulatorio) e questa mattina ho ritirato le risposte. Leggendo il referto sono MOLTO preoccupato soprattutto per quanto descritto nella parte finale di esso. Aiutatemi, per favore a capire se trattasi di qualche cosa di grave!
Di seguito l'esito della RMN
Presenza di fenomeni spondilosici diffusi
Il canale vertebrale è di morfologia e dimensioni regolari.
I dischi intersomatici del rachide lombosacrale presentano segnale ridotto in T2 per fenomeni di disidratazione. A livello di L4-L5 è presente una protrusione del disco intersomatico localizzata in sede mediana e laterale sn con impegno di materiale discale in sede intraforaminale sinistra, che determina compressione sulla radice emergente in detta sede (L4 di sinistra) in corrispondenza del suo imbocco nel forame di coniugazione. Per il resto si documentano modeste protrusioni discali mediane a livello L5-S1 e L3-L4 che determinano modeste impronte sul profilo ventrale del sacco durale. Nella norma i restanti spazi del rachide lombare.
A livello del sacro si segnala la presenza una formazione di tipo liquorale che occupa il canale vertebrale sacrale da S2 alle vertebre sottostanti, con diametro longitudinale massimo valutabile intorno a 5 cm e determina ampliamento del canale vertebrale a tale livello. Il reperto descritto è riferibile verosimilmente a cisti radicolare.
In attesa di risposta, porgo cordiali saluti e di nuovo auguri di una Buona Pasqua a tutti

[#3]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
FRATTAMAGGIORE (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Scusi per il ritardo nella attuale risposta. Non mi pare un quadro RM per cui doversi molto preoccupare. Valuti il quadro clinico, come le dicevo nel precedente consulto; naturalmente dopo visita specialistica. Per la compressione della radice L4 di sinistra, riterrei indicato consigliarle di eseguire un esame elettromiografico all'arto inferiore sinistro. Cordialità
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it