Utente
RM FETALE
. Salve, sono una giovane donna in attesa del secondo figlio. Il primo avuto senza problemi.
Purtroppo questo bimbo presenta delle malformazioni, eseguita sia villocentesi che a rray con risultato cariotipo maschile normale.
Non me la sento di buttarlo via e continuo la gravidanza pensando che se è così compromesso la natura provvederà da sola.
Oggi sono alla 37 e il bimbo è cresciuto sempre nei parametri fino a quest'ultimo mese che c'è stato un calo nella crescita e la risonanza è stata secondo i medici disastrosa, Non gli danno speranza, per loro non respirera' una volta uscito dalla mia pancia.
Sono disperata. Vorrei un parere su che genere di danni possa avere il mio bimbo a livello neurologico e se è davvero così compromesso. Grazie!

Confronto con analoga indagine del 28/05/2015.
L'esame è stato eseguito mediante acquisizione di sequenze multiplanari T2 e T1 pesate mirate allo
studio dell'encefalo fetale ad età gestazionale riferita di 34 settimane e 5 giorni.
Parametri biometrici cranici e degli emisferi cerebrali e cerebellari ai limiti inferiori dell norma in relazione
all'età gestazionale riferita, con diametro antero-posteriore inferiore.
Si conferma la presenza in sede occipitale mediana di difetto di chiusura della teca cranica con
presenza di "sacca" a contenuto liquorale di circa 50x45x10mm, riferibile a meningocele.
In sede sovratentoriale la corteccia cerebrale non appare chiaramente identificabile e sembra
presentare una girazione grossolana. I ventricoli misurano all'atrio 10-11mm. Sembrano apprezzarsi
piccole formazioni nodulari isointense alla sostanza grigia lungo l'ependima ventricolare soprattutto
posteriormente. Non riconoscibili i corni ventricolari frontali.
La fossa cranica posteriore è di piccole dimensioni con emisferi cerebellari e strutture del tronco
encefalico compressi e stirati posteriormente. Ampia raccolta liquorale in sede mediana posteriore forse
in comunicazione con il ventricolo di sinistra che determina impronta sulla superficie dell'emisfero
cerebellare omolaterale.
Ispessimento della plica nucale.
Presenza di difetto di chiusura delle strutture osteo-mucose in sede mediana anteriore, riferibile alla
nota labiopalatoshisi.
Conclusioni: utile controllo RM post-natale.

[#1]  
Gentile signora,
secondo quanto è riportato nel reperto della RM, purtroppo la situazione è quella che già le hanno prospettato.
Le malformazioni descritte non sono compatibili con la vita.
Capisco il Suo dolore e mi dispiace sinceramente di non poterLe dare il parere che sperava.
Mi permetta un caloroso abbraccio

[#2] dopo  
Utente
La cruda realtà è meglio di mille illusioni.
Mi segnerà per sempre ma almeno ho la coscienza pulita. Io non ho ucciso nessuno.
Grazie!

[#3]  
Cara signora,
questo Le fa onore e ne deve andar fiera.
Seppur grande il dolore non faccia in modo che la Sua vita ne risenta.
Ha già un figlio e Lei ha il dovere di crescerlo nella tranquillità profondendo tutto l' amore possibile.
Quell'amore che questa esperienza dimostra quanto esso sia di immensa grandezza.
Con affetto i miei auguri perchè superi questi momenti e prosegua con i Suoi cari il percorso sulla strada della vita che, per quanto accidentata, ha la bellezza di un disegno misterioso che forse verrà svelato.